Cerca

APERTA LA CACCIA A BERLUSCONI

APERTA LA CACCIA A BERLUSCONI In Italia abbiamo due aperture di caccia. Quella venatoria , dove centinaia di migliaia di ecologisti nonche’ strenui difensori della natura staccano i fucili dai chiodi e disintegrano milioni di povere bestie . Questa avviene ogni anno e sebbene si sia cercato di abolirla ancora non ci siamo riusciti e cosi la mattanza continua. Poi esiste una apertura piu’ interessante ed e’ la caccia a Berlusconi. In genere questa apertura avviene quando Berlusconi mette in difficoltà la sinistra. La sua ridiscesa in politica ( e si perché lui non sale come altri ) sta preoccupando la sinistra ed il centro i quali ,come Occhetto, erano convinti oramai di stravincere alle prossime elezioni. Ecco che allora per cercare di non fare la fine di Occhetto, puntualmente si apre la caccia all ‘ odiato cavaliere . Colpa Sua e non del MPS se la borsa cade e tutte le banche perdoni miliardi , colpa Sua se le banche sono esposte con 120 miliardi di crediti in sofferenza, colpa Sua se tutte le borse europee perdono, colpa Sue se lo spauracchio “spread” improvvisamente ritorna come un boomerang. Il richiamo dei cacciatori di Belusconi non solo si leva in Italia in grida isteriche ma coinvolge tutta l ’ Europa a partire dal solito Schulz. Poi ci si mettono di mezzo anche i prestigiosi Wall Street Journal ed il Financial Times i quali non avendo abbastanza rogne nel loro paese devo andare a cercarne altre in giro. Chissà perché quando questi giornali attaccano Berlusconi sono prestigiosi, quando fanno le pulci al governo Monti vengono aspramente criticati dalla stampa italiana ed allora non sono piu’ prestigiosi. Ad ogni modo siamo solo agli inizi. Tra un pò vedremo che i liberi cacciatori di B. aumenteranno nei panni della solita magistratura, dei sindacati, del festival di San Remo, dei media, degli intellettuali, dei registi, cantanti, comici , presentatori per non parlare dei soliti politici che anziché disinfettare le loro piaghe cercano di infettare gli altri che non la pensano come loro. Si dovrebbe far pagare una tassa a tutti questi cacciatori come la pagano quelli venatori. Probabilmente risolveremmo il debito pubblico italiano. Gianni Rossi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog