Cerca

tassare quello che non spendi

Caro Direttore sarei felice se potessi confrontare la mia idea con la sua esperienza e preparazione per affrontare il problema delle tasse, La mia ipotesi è quella di tassare pesantemente tutto quello che ognuno di noi non riesce a spendere. basterebbe il codice fiscale per fare ricevute di incasso o spesa, evitando partite iva per chi fa lavori saltuari o non è un’impresa, , a fine anno si fa la differenza tra quello che ognuno ha incassato e quello che ognuno ha speso, sulla differenza se in positivo paga da allo stato il 90% del non speso. Se ha speso più di quello che è entrato gli si chiederà dove ha trovato il denaro. Ovviamente sono considerate spese: acquisto di assicurazioni, azioni, bot ecc. regalie tra parenti ecc. si elimina l'iva e si paga una percentuale per oni transazione, A livello di tasse obbligatorie si paga una piccola percentuale annua per finanziare il sociale, cose da calcolare e valutare. Si eliminerebbe subito il nero, le mazzette, i soldi portati all'estero, imboscati, le aziende sarebbero costrette a reinvestire i tutti guadagni per non darli in tasse, innovando e migliorando la produttività. L'economia ripartirebbe subito " costringendo " ognuno a spendere, facendo circolare il denaro creando nuove esigenze e posti di lavoro. La ringrazio del tempo dedicato alla lettura di questa mia, Le sarei grato di un suo giudizio anche se negativo, mi piacerebbe comunque un confronto quando le sarà possibile poichè è difficile spiegare tutto in poche parole con stima Pier Camillo Rossi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog