Cerca

La Verità sulle Tangenti Internaz.

Egregio Direttore, negli ultimi 30 anni ho ricoperto il ruolo di Direttore Vendite Estero per svariate Multinazionali e sento l’ obbligo di confermare quanto dichiarato stamane da Berlusconi. Per potersi aggiudicare un qualsiasi Appalto/Commessa estera di un certo valore, oltre al rapporto Qualità/Prezzo del prodotto offerto, occorre INDEROGABILMENTE far fronte anche ad una “Tangente/Commissione” che solitamente varia dal 5 al 10 per cento del prezzo finale. Questa regola vale IN TUTTO IL MONDO, Stati Uniti compresi!!!! Anzi, negli USA detta Tangente/Commissione viene addirittura contabilizzata e quindi “Scaricata” dai costi aziendali. I signori Giudici, e tantomeno lor Signori Politicanti, non hanno mai svolto trattative estere e quindi non possono sapere che questa è sempre stata la “prassi internazionale”, e sempre lo sarà finchè ci sarà un essere umano a dover firmare un acquisto Multimilionario. Piaccia o non piaccia, tutti devono sottostare al pagamento di una Commissione a chi è vicino a colui che “firmerà” l’ ordine di Acquisto. Ripeto: tutte le Multinazionali del mondo, anche le più grosse e famose del pianeta, pagano Tangenti/Commissioni per accaparrarsi le commesse, sia in ambito pubblico che privato. Tutto ciò sembrerà assurdo perché viene spontaneo domandarsi: “ma allora basta pagare e ci si aggiudica la Commessa?”. La risposta è NO!, proprio perché la Tangente/Commessa sono disposti a pagarla tutti i contendenti, l’ appalto/gara sarà comunque VINTA DAL MIGLIORE, ovvero da colui che offrirà il miglior rapporto Qualità/Prezzo. A questo punto, perchè non fare come nelgli USA? Legalizziamo la tangente e permettiamo alle Aziende italiane di Contabilizzarla come COMMISSIONE ed avremmo così evitato anche che le imprese debbano costituirsi ingenti FONDI OCCULTI ALL’ ESTERO per far fronte a dette Commissioni, senza le quali è IMPOSSIBILE VENDERE!!! Spero di aver fatto cosa gradita sviscerando un falso problema che, per sua natura stessa, è a conoscenza di pochi e sul quale vige una comprensibile omertà. Distintamente saluto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog