Cerca

Il vecchio amico di Gheddafi

Egr. Direttore, sono un piccolo imprenditore di Bergamo e ho avuto la grande fortuna di riuscire a sopravvivere egregiamente a questa crisi. Insomma sono un ottimista che è stato ripagato. Una ragione di ottimismo me la ispira la certezza che ormai il berlusconismo sia arrivato al capolinea. Questo sarà un bene per il paese che si libererà dell'amico di Gheddafi, il nano banana, un individuo ripugnante - a cominciare dall'aspetto fisico: un vecchio decrepito coi capelli finti e la faccia di plastica - ripugnante per la volgarità becera, l'ignoranza, la corruzione e il laidume, lo squallore che emana ogni sua parola, ogni sua azione. I suoi lacché passeranno alla cronaca come i servi di un personaggio di infimo livello, responsabile del degrado civile e culturale del paese. Le sarei grato se lei mi spiegasse una questione: che cosa si prova a continuare a servire un personaggio spregevole, ormai sconfitto, isolato e disprezzato in tutto il mondo civile? Con tanti auguri che il nano banana, dopo le elezioni, venga condannato e sbattuto in carcere. Viva la magistratura italiana, viva la grande Ilda Boccassini! Distinti saluti Massimo Pirri

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog