Cerca

Verso un superamento dello scisma protestante?

Verso un superamento dello scisma protestante? RATZINGER & LUTERO “Una Chiesa incapace di dare risposte concrete ai problemi spirituali della gente, con una curia romana sempre più concentrata, in teoria, a perseguire il bene e la ricchezza della Chiesa, ma più concretamente, invece, volta ad aumentare poteri di fazioni, le une contro le altre all’interno della Chiesa stessa.” Risuonano, dopo quasi cinque secoli, le tematiche delle tesi affisse sul portone della Chiesa di Wittenberg il 31 ottobre 1517, da Martin Lutero. Ma, stavolta, tali tesi risuonano nella chiesa di San Pietro, nel cuore della cristianità, pronunciate dallo stesso successore di Pietro: papa Benedetto XVI , Joseph Ratzinger, un altro tedesco, dopo che un altro tedesco ancora, all’inizio del secolo scorso, Roberto Michels aveva pronunciato parole definitive sulle patologie “strutturali” non reversibili, delle organizzazioni complesse “chiuse”, come i partiti, ma, evidentemente, non solo. Le rapidissime mutazioni sociali culturali e antropologiche indotte dalla globalizzazione, obbligano a comportamenti e relazioni dirette e trasparenti da parte di tutti i soggetti, compresi i credenti ed evidenziano pertanto, quotidianamente, l’inadeguatezza dei vecchi gruppi dirigenti, non solo quelli dei partiti e delle istituzioni statuali. La Germania dopo Kant, Hegel, Marx, Nietzsche, continua a dare, così, al mondo globale figure di spessore, con pensieri “alti” e “lunghi” che indicano prospettive di rinnovamento e nuova speranza per gli uomini e le donne contemporanee.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog