Cerca

Il matrimonio naturale è un valore per lo Stato e per i bambini

Signor Direttore, in Regione Emilia Romagna due consiglieri (Franco Grillini di Diritti e libertà e Liana Barbati dell'IDV) hanno presentato la proposta di legge con cui chiedono di “apportare modifiche al Codice civile in modo da consentire anche alle coppie dello stesso sesso la possibilità di sposarsi legalmente”. In pratica le proposte di cambiamento propongono che “il matrimonio possa essere contratto da persone di sesso diverso o dello stesso sesso con i medesimi requisiti”, che le parole marito e moglie vengano sostituite da coniugi, “l’affiliazione delle coppie formate da persone dello stesso sesso” e “la garanzia di una eguaglianza tra coppie etero e coppie omosessuali in tema di adozioni”. Bisogna ricordare ai due consiglieri che la parola "matrimonio" contiene il termine "matri" cioè "donna-madre" che genera dall'unione con un uomo. I consiglieri possono pensare come vogliono e dire che altri Stati sarebbero più moderni dell'Italia ma questo non cambia la realtà, della quale i figli hanno diritto. Questo sì è un diritto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog