Cerca

Ma davvero Giannino vi ha tolto il sonno?

Egr. Direttore, sono un Suo attento lettore sin dalla fondazione del Suo giornale nel 2000; ho sempre apprezzato una certa autonomia e libertà di pensiero Sua e della maggior parte dei Suoi collaboratori; anche la presenza di prestigiose firme come Pansa, Facci, Giacalone, Mughini, mi convinceva del fatto che il Suo non fosse un semplice giornale di “partito” o “padronale”. Invece questa recente e ferocissima campagna elettorale, dominata, per lo più, da mega-inchieste giornalistiche e pseudo scoop, sta finendo per far perdere di vista ai Suoi lettori e a tutti i cittadini in genere, le vere ed autentiche emergenze nazionali (sperpero del denaro pubblico, spesa pubblica fuori controllo, tassazione altissima che deprime Economia e Consumi, mal funzionamento dello Stato, commistione affari-politica, infiltrazioni malavitose negli ambiti Statali, scandali bancari, sicurezza dei cittadini…) per lasciar posto e spazio a questioni di nessun interesse e che, anzi, facilitano molto di più l’avanzata di movimenti e correnti di pensiero “anti-politica”, “anti-Stato” (vedi Grillo ed il movimento 5 stelle tra gli altri..). Le dico questo anche perche mi era sembrato che il Suo giornale, da ottobre-novembre 2011 in poi, volesse e potesse incalzare il “Governo Tecnico” appena eletto proprio sulle tematiche di cui sopra, cercando di appassionare il lettore e convincerlo della bontà della Sua linea editoriale.. Viceversa, dall’inizio dell’anno, da quando Berlusconi si è rimesso in campo e ha ricominciato a raccogliere consensi crescenti (quantomeno stando ai sondaggi), il Suo giornale si è velocemente trasformato in un “normale” giornale di partito… Non passa giorno senza che le prime pagine non siano dominate da notizie roboanti, più propagandistiche che cronachistiche, volte unicamente ad un palese condizionamento del lettore disattento o ancora indeciso politicamente… Buon ultima la (non) notizia di oggi 19.2.2013 sul (finto?) master americano di Oscar Giannino, sulla sua figura (come veste o come porta il bastone, ma chi se ne frega?..), sulla sua persona, notoriamente un galantuomo; sono personalmente rimasto disgustato dal vedere infangato un movimento appena sorto, che si fonda unicamente su un potenziale consenso di simpatizzanti “liberal” a cui invece il Suo giornale (ma anche, a questo punto, anche la sua “area” politica di riferimento) avrebbe dovuto dare voce e corpo (visto, aggiungo io, che di proposte e di uomini veramente “liberali”, ormai il PDL non ne ha più…). Ma siete veramente convinti che sia quel 2-3% potenziale il problema del “centro-destra” in Italia e non, gliele butto a caso, l’impresentabilità di decine di candidati? O la presenza di candidati indagati o di giovani donne senza alcuna competenza o professionalità acquisita? O piuttosto la totale mancanza di credibilità internazionale dimostrata in più occasioni nel passato recente? O la mancanza di una norma anti-corruzione che amplifica, oggi, a dismisura lo sperpero del denaro pubblico? O la totale mancanza di rinnovamento interno o di semplice discussione interna (vd le “primarie” tanto sbandierate sino a dicembre 2012…), e potrei proseguire all’infinito…… Mi auguro che questa Sua attuale (e feroce) inversione editoriale, prosegua anche contro quel Parlamento e quel Governo di centro-destra che dovesse formarsi a seguito di una vittoria nelle elezioni!!. Altrimenti dovrei pensare che anche Lei ed il Suo giornale non siete proprio così “liberi” come sostenete (e come per la verità ho sempre pensato foste sino a dicembre…). Nell’attesa di valutare quanto sopra ho deciso di non comprare per un pò di tempo il Suo giornale e, a quello che sento e che vedo, anche altri amici non propriamente/esclusivamente di “area di centro-destra”, so che faranno altrettanto… Con stima Michele Matteoni

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog