Cerca

Ingiuste critiche a Berlusconi

Gent.imo Direttore Non Le pare che gli avversari politici (e tra di essi includo anche la Magistratura perché si comporta sempre come soggetto politico) di Berlusconi abbiano superato ogni limite di decenza nello scagliarsi contro Berlusconi che, a proposito della faccenda Finmeccanica-India, ha giustificato le tangenti se esse possono risultare utili alla economia del Paese (in campo internazionale, tra l’altro rientrano quasi nella norma) ed ha criticato la Magistratura per il suo falso senso della “giustizia” che, pur di danneggiare il Centro-Destra , fa dell’autolesionismo danneggiando i nostri interessi (infatti l’ India ha subito disdetto le “commesse”)? Come pensano possano avvenire le grosse forniture di materie prime o altro materiale importante per la nostra economia che ci pervengono dai Paesi del Nord-Africa o dai Paesi Arabi o da altri Paesi? Sembr a quasi che vivano fuori dal mondo e che non siano invece quei politici “navigati” che tutti conosciamo che sanno bene come vanno le cose e che hanno sempre guardato ai loro interessi e non a quelli dell’Italia. Io invece credo in Berlusconi quando, al contrario dei politici (Lui ha sempre sostenuto di non esserlo) che pensano esclusivamente ai loro interessi, afferma di amare il suo Paese e di difenderne gli interessi e prova tangibile ne sia il comportamento che ebbe con Gheddafi quando, pur di accattivarsene la buona disponibilità per le forniture di gas-metano per l’Italia, , gli baciò la mano, attirandosi critiche a non finire. Conoscendo l’Uomo e la Sua megalomania, immagina quanto sarà costato quel gesto, in termini di “ego”, a Berlusconi? Con stima Bruno Perrone - Lecce

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog