Cerca

Domanda a Walter Veltroni

Per prima cosa un saluto e un ringraziamento al giornale piu' obbiettivo e veritiero secondo la mia Umile opinione.Gent Onorevole Veltroni sono un tassista di Roma,il mio lavoro versa ormai in condizioni (per la crisi e le varie deregulation note a tutti)veramente disagiate ma del resto come quasi tutte le categorie di lavoratori in Italia;non vorrei apparire prolisso elencandone i motivi che secondo me lei conosce molto meglio di me essendo un Politico di spessore ed un ex Primo cittadino della mia citta'.Venendo al dunque vorrei avere delucidazioni in base al piano regolatore da lei approvato in passato ove si consente di trasferire il codice di edificabilita'da un lotto ad altro consentendo di triplicare (anche quaduplicare) la cubatura in fase di costruzione.Le chiedo questo perche' in passato con enormi sacrifici ho comprato una casa in estrema periferia ma ora grazie alle modifiche al piano regolatore sopra elencate stanno costruendo un edificio a distanza ridottissima dalla mia proprieta'che mi sovrasta di quattro piani in altezza togliendomi la luce (non piu'il diritto di poter istallare un impianto fotovoltaico ormai inutile) l'aria ma sopratutto la privace avendo i balconi dello stabile a soli quattro metri, inoltre nella parte posteriore della mia proprieta'e'stato commesso un abuso, il vicino ha costruito a solo cinquanta centimetri dal muro di cinta e nonostante un unico intervento dei vigili urbani ha continuato ad edificare indisturbato. Tutti i miei sacrifici sono stati vanificati anche perche'la mia proprieta'ha subito cosi'un deprezzamento e anche se volessi venderla chi la comprerebbe in queste condizioni.Chiedo dunque a lei se questo incubo e' possibile e a questo punto cosa potrei fare se la legge e la giustizia sono uguali per tutti.Sperando in una sua risposta colgo l'occasione per porgerle distinti saluti e un augurio per le prossime elezioni

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog