Cerca

una proposta di soluzione alla questione esodati

Una proposta di soluzione alla questione esodati. Consentire a tutti gli “esodati” d’accedere – con l’esaurimento delle disponibilità finanziarie pattuite in attesa di raggiungere i limiti d’età previsti dalla precedente legge - al pensionamento anticipato rispetto alla maturazione dei requisiti fissati dalla legge Fornero. Ma con il versamento dei contributi mancanti e corrispondenti a 40 annualità totali (per la sola quota parte a carico del dipendente interessato, quota maggiorata degli interessi dovuti sulla dilazione). Una sorta di un’autorizzazione a versamenti volontari dilazionati e di anticipazione di pensione (al maturare dei requisiti in precedenza richiesti) a fronte di una rateizzazione dei contributi ancora da versare e mancanti rispetto al tetto di n. 40 annualità, con diritto a ricevere un trattamento proporzionato alle minori annualità maturate al momento del “prepensionamento” in questione. La misura dovrebbe essere completata con il ricalcolo della pensione erogata due anni dopo il completamento dei 40 anni contributivi complessivi. I circa 200.000 lavoratori interessati finanzierebbero, dato lo scaglionamento del loro collocamento in pensione dovuto ai diversi requisiti maturati dai singoli, parte della spesa, senza gravare su altro tipo di intervento assistenziale. Si realizzerebbe nei fatti un ammortamento parziale della spesa pensionistica rispetto all’attuale quadro normativo da correggere: sostanzialmente una misura equivalente ad una maggiore gradualità dell’innalzamento dell’età pensionabile e conseguente riduzione di spesa a regime. Cordiali saluti belbru

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog