Cerca

Il mio scenario

La prima (e forse unica) puntata dell’osservatorio politico del Benda. Come in tutte le simili occasioni, mi sono posizionato davanti allo schermo del televisore, organizzato con patatine, popcorn e bottiglione di acqua gassata, pronto alla maratona elettorale, aiutato anche dal tablet che, stavolta, ha felicemente svolto il lavoro per cui è stato acquistato, al posto di essere ostaggio dei miei piccoli. La mia signora cercava di addormentare la prole, ma presto, raggiuntomi sul divanone, partiva con la solita uscita “ma che palle!!! I soliti cbe parlano del nulla!!”. Beh sulle prime ho reagito tiepidamente ma presto sono stato sopraffatto dalle pressioni della signora (“posso vedere un film?”,” Ma stai qui con me?” e poi “ Se iniziamo a vedere la tele separati il nostro rapporto puo’ subire danni! “ ed infine “Ma di cosa stanno parlando?”). Come darle torto!! Personaggi di varia estrazione politica che mutavano rapidamente di espressione ad ogni proiezione che dava la vittoria ora ad uno ed ora ad un altro. E poi Patty mi lascia andare al bar al Ponte tutti i giovedì sera!! Meglio non farla irritare. Vabbeh dai ho il tablet!!. Il sito del ministero degli interni era ben piu’ spettacolare delle trasmissioni televisive e, diciamoci la verità’, i dati veri che mutavano in continuazione erano eccitanti quasi come vedere l’ultimo giorno della Ryder Cup 2012 di golf. Problema presto risolto. La signora Benda sviene dal sonno dopo una giornata a farsi calpestare i virtuali testicoli dalla figlia e dal figlio. Non tutti i mali vengono per nuocere. Riprendo il potere del telecomando e via di qua e di la tra SKy e Raiuno. Consiglio professionale per la dirigenza di Sky. Tirate sul prezzo dei sondaggisti perche “no i ghe na beca’ una!!” Sul tardi il risultato definitivo. Perfetto. Il Silvione non vince.. ma decisamente meglio così. Ok non sarà ricordato nella storia come Einaudi o De Gasperi, ma ha dimostrato di essere dotato di attributi maschili fuori dimensione, e di avere schiacciato con il suo trattore, un ulteriore pulcino Pio tra i segretari del PCI PDS DS PD. Ora Pier le Smacchiateur se la passa malissimo. Privo di maggioranza al senato nemmeno con l’aiuto del Professore, ma condannato a dover fare il capofila della prossima coalizione, visto il premio di maggioranza alla camera, con Grillo che Bersani se lo mangerebbe piuttosto che berci un caffè insieme. A proposito del 5 stelle. Ci lamentiamo del porcellum ma chi sono i nuovi senatori e deputati grillini? Se qualcuno li conosce mi mandi un messaggio. Ecco lo scenario che mi prefiguro. Premetto che non ho bevuto nulla stasera, anzi solo un innocente bianchetto per accompagnare il risottino. Il “vincitore” (mi scappa da ridere) dovrà andare a Canossa dallo zio!!! Ovviamente il trombatore brianzolo mai e poi mai voterà una fiducia ad un governo guidato da Bersani. E chi potrebbe essere l’unico uomo del PD cui Burlesque potrebbe dare il suo appoggio?? Ma certo! L’alter ego del Necchi di Amici Miei!! Rieccolo..esce dalla porta principale e rientra dalla porta di servizio. Il ragazzotto di belle speranze fiorentino è l’unico che non ha dato del bastardo, ladro, figlio di buona donna al Silvione nazionale, anzi quest’ultimo, nella solitudine della sua cameretta, fondamentalmente lo adora. Prezzo da pagare? Beh for di bal l’ingioiellato gaio pugliese (che botta nella sua regione!!), for di bal La Russa (io ed il mio amico Peli siamo andati ad una triste conferenza stampa in piazza Erbe……senza la stampa, ascoltando programmi deliranti e sfottò pronunciati dall’ex ministro alla volta di vecchi camerati missini nemmeno tanto nostalgici…in tutto eravamo in 15 dei quali 8 candidati!!), e forse anche for di bal la lega (Maroni faceva il pari con Monti in quanto noia nelle tribune politiche). Risultato: Berlusconi ne esce da vincitore anche se ha perso, Bersani ne esce da perdente anche se ha vinto, il paese viene governato da un liberale anche se in casacca rosa, Grillo non si trova a gestire un “overperformance” che avrebbe messo in seria difficoltà sia lui che il paese. Finisco il mio delirio, ma non prima di ricordare con una preghiera un uomo che una preghiera la merita : l’eterno riposo politico. Un uomo che, sovvertendo l’ordine naturale delle cose, differentemente da tutti noi è riuscito a rubare alla famiglia (MSI) per dare ai conoscenti (di solito non accade il contrario?), un uomo che ha tradito tutti coloro che hanno creduto in lui nel lontano e nel recente passato. Bye Bye Gianfranco Pietro Bendazzoli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog