Cerca

Perchè Berlusconi? Fini & C.?

Egregio direttore Belpietro, La magistratura non sa che fare e si diverte ad incriminare Berlusconi (Berlusconi merita una tiratina d’orecchi, con l’interrogatorio alla signora “quante volte viene” si è giocato la vittoria a mani alzate, non si vuole rendere conto che la sinistra lo segue con riprese e microfoni spia e la lente d’ingrandimento, per coglie un gesto, una parola, una sillaba ecc. per attaccarlo a 360° ). Anche Di Pietro con tangentopoli aveva scoperto che in parlamento si poteva acquistare un voto, che a seconda dell’importanza (o convenienza) degli aventi “diritto”, veniva compensato a partire da 100 milioni. E non ricordo che ci siano state condanne per queste compravendite; del resto negli altri palamenti del mondo avviene normalmente la compravendita, dove non si “compera” si picchiano da matti (tutto documentato da riprese televisive). Se Berlusconi ha pagato un parlamentare per avere il suo voto! Chi ha pagato Fini per comperare i suoi voti? Chi lo ha pagato per lasciare Berlusconi con la suoi fidi? Oppure Fini l’ha data GRATIS!!!!!! Addirittura Fini non è stato indagato per la distrazione per fini personali dei beni del partito e della fondazione (casa di Montecarlo, macchina ammiraglia in uso alla moglie, vendita di beni immobili a prezzi stracciati ai suoi fidi ecc). Di Pietro è stato fatto fuori dalla trasmissione REPORTER, che ha fatto solo qualche illazione, le stesse accuse le aveva fatte un coofondatore dell’Italia dei Valori - Avv. Massimo Dinoia – ed i giudici, evidentemente “amici” di Di Pietro, avevano condanno l’Avv. Dinoia a risarcire civilmente lo stesso Di Pietro in diversi processi; a mio avviso Reporter è stato un segnale per mettere a “cuccia” e fuori gioco Di Pietro, altrimenti …… evidentemente la tangentopoli di Di Pietro ha nascosto qualche cosa….; del resto uomini della sinistra giravano con valigie piene di denaro contante e nessun esponente politico è stato inquisito, perché i corrieri non hanno cantato (se non ricordo male, anche Telecom Serbia venne pagata in con contanti, un centinaio di miliardi delle vecchie lire ed anche qui nessuno è stato inquisito, salvo chi ha denunciato l’operazione ).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog