Cerca

Denuncia

Caso giudiziario. Poco tempo fà perviene a me e mio padre un’altro capo di imputazione per diffamazione a mezzo di stampa con avviso conclusione di indagini preliminari dal pm Liliana Ledda del tribunale di Cagliari dove veniamo accusati di aver pubblicato in concorso dei blog numerosi scritti in vari siti internet quali: fainotizia.it; tribunalelocausto.blogspot.it; persecuzione.blog.tiscali.it. Nel capo d’accusa le seguenti persone: Giorgio Careddu, maresciallo Antonio Cappellu ed avvocato Efisio Floris vengono compiacentemente ritenute “offese”. Questa gente è stata denunciata da anni senza mai aver avuto modo di avere giustizia in quanto costoro non sono mai stati puniti penalmente né mai nessun legale li ha querelati riuscendo a farli rinviare a giudizio. Ancora una volta veniamo accusati con il falso e con atti evidentemente persecutori e vilmente ricattatori. Questi scritti e i blog sono stati cancellati da circa due anni sotto un vero e propri ricatto. Se non li toglievo mettevanomio padre in carcere sfruttando le ingiustizie denunciate. Questa imputazione è raggirevole, dal momento che, mio padre ha dichiarato in una udienza al tribunale di sorveglianza altre accuse false ed era stato riferito dai legali che nulla in più vi era giudiziariamente contro, veniva quindi rassicurato, ma è stato invece ingannato con l'arrivo di quest'altra imputazione. Avevo presentato querela-denuncia-esposto il 26 gennaio 2012 alla Procura di Cagliari dichiarando cancellato ogni scritto ma non è stata presa in considerazione. Non vedo il motivo per il quale abbia avuto io e mio padre questo capo di imputazione se non per una continuata truffa, abuso e persecuzione. Tale imputazione viene periodicamente riproposta affetto a carattere ritorsivo, intimidatorio e ricattatorio, pertanto mi legittima, quindi, alla ripubblicazione e denuncia di fatti veri e di cronaca che vengono dai giornali locali insabbiati su un caso giudiziario di cui ho pieno diritto Costitutivo alla libertà di stampa, pensiero, scrittura e di cui sono stato costretto a riproporlo vista la gravità dei fatti. Oltre l'ingiustizia subita anche questo. Innumerevoli denunce (101 circa) procedimenti e processi subiti in 20 anni solo come imputati con il falso sia da questi stessi autori che da una magistratura locale che è compiacente nei confronti di questi signori a mandare avanti spese ed attività legali a sfavore economico, dove, mio padre viene sempre attaccato per ledere anche il sottoscritto. Visto il caso denunciato, chiedo un'apertura d'inchiesta giornalistica in merito al caso giudiziario. Siamo disperati non ce la facciamo più.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog