Cerca

Una nuova legge elettorale per battere Grillo

Nel dibattito di questi giorni non è stato messo in luce un dato che a mio avviso potrebbe cambiare radicalmente le posizioni dei vari partiti. A me sembra evidente che il grande successo di Grillo sia figlio anche di questa legge elettorale, nel senso che concentra la scelta degli elettori sui nomi dei singoli leader e non sui candidati. L'elettore vota Grillo o Berlusconi ecc. ma non chi andrà poi a rappresentarlo in parlamento. Così Grillo ha fatto campagna su se stesso sfruttando le sue indubbie capacità di comunicazione ed in Parlamento neanche ci va ma ci manda un centinaio di "signori nessuno" che non hanno la più pallida idea di che cosa faranno. PD e PDL dovrebbero modificare la legge elettorale introducendo un sistema di preferenze o di collegi in cui si confrontano e si votano i singoli candidati. In questo modo voi credete che gli italiani voterebbero per i candidati Grillini che hanno addirittura paura di dire come si chiamano? Figuriamoci poi per parlare di programmi. Insomma Grillo deve stare molto accorto perchè nuove elezioni potrebbero metterlo in grandi difficoltà. Con una nuova legge elettorale che valorizzi i candidati ed i programmi io vedo i Grillini in grande difficoltà. Ve lo immaginate voi il candidato grillino NO TAV a raccogliere i voti degli artigiani e dei cassaintegrati? Oppure il giovane ecologista sognatore che pensa di cambiare il mondo con il ritorno alla natura? Oppure il patito del web che sogna una democrazia via Internet? Oggi sono stati eletti e nessuno li ha votati, nessuno li conosce, io credo che se dovessero davvero “scendere in campo” e convincere gli elettori, allora la musica cambierebbe. Eccome se cambierebbe! Certo bisogna che PD e PDL si diano una mossa, facciano un governo tra loro cambino la legge elettorale e poi si va al voto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog