Cerca

Una nuova legge elettorale

Gentile Direttore, questa mia lettera spero venga letta da Gianfranco che con la nota “Una nuova legge elettorale per battere Grillo” pubblicata oggi 4 marzo 2013 vorrebbe una nuova legge elettorale per battere Grillo. Pensa davvero che una legge elettorale con la introduzione delle preferenze sarebbe stata sufficiente per fermare la protesta o come viene anche chiamata anti politica( io ritengo sarebbe da definire nuova politica). Pensa Gianfranco davvero che se gli elettori si fossero trovati di fronte a nomi di persone nuove, con poca esperienza e senza arte oratoria e professionalità politica, avrebbero preferito Berlusconi, Bersani, il Casini di turno, la Rosi Bindi catapultata, il funzionario di partito etc etc .? In Sicilia si è votato, pochi mesi or sono, con le preferenze, eppure 15 illustri sconosciuti grillini , selezionati dall’elettorato siciliano, che non è certamente meno stupido di quello del resto d’Italia, pur con poche preferenze ciascuno, sono stati selezionati ed eletti dal corpo elettorale componenti dell’Assemblea Regionale dove fino alle elezioni predenti si accedeva soltanto se organici ai partiti tradizionali ed organici ai gruppi di potere. Con una legge che dava la possibilità di indicare le preferenze come avrebbero potuto i Bersani, Berlusconi, Monti nominarsi i deputati e senatori secondo i loro desiderata con in più il correttivo di candidarsi capo lista in più circoscrizioni e pilotare anche le surroghe? Quella di mantenere la legge elettorale senza preferenze era una scelta da casta ed unici responsabili sono questi scienziati della politica che non hanno capito il cambio del vento e interessati a salvaguardare il loro potere, hanno lasciato il timone dritto per il raggiungimento dei loro porto. Francesco Amoroso, uomo qualunque.,

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog