Cerca

Il coltello per il manico

Se Grillo avesse qualche idea chiara in testa si renderebbe conto di avere ancora il coltello dalla parte del manico e di essere ancora in grado di fare patti chiari con il PD. Se io fossi nei suoi panni mi incontrerei con Bersani e gli porterei i miei punti di programma, da confrontare con i suoi, e solo dopo questo confronto dichiarerei la mia disponibilità alla fiducia o no. I punti che porterei sono questi: a) abolizione dell'IMU sulla prima casa (quello versato ormai gli italiani l'hanno digerito e così sia); b) riduzione del 50% del numero di parlamentari (deputati e senatori); c) riduzione del 40 - 50% dell'indennità parlamentare e rimborso esclusivamente delle spese vive e documentate. Nessun rimborso forfettario. d) calcolo dei contributi sulle indennità in base alle aliquote INPS per i lavoratori dipendenti e, al termine del mandato, riunificazione degli stessi con gli eventuali altri contributi in essere con l'istituto di previdenza; e) nessuna liquidazione o indennità di fine mandato; f) la pensione verrà percepita solo al raggiungimento dell'età prevista dall'INPS per i lavoratori dipendenti; g) riduzione delle auto di rappresentanza limitatamente solo alle alte cariche dello Stato e solo per attività istituzionali; h) riduzione delle spese militari con il ritiro entro 12 mesi di tutti i soldati italiani da qualsiasi scacchiere in cui sono presenti; i) riduzione del 50% delle spese per il Quirinale, il SEnato, la Camera dei DEputati; l) abolizione totale del finanziamento pubblico ai partiti e abolizione di tutti i rimborsi elettorali. Vedrei cosa fa Bersani e dopo mi regolerei di conseguenza. E alle prossime elezioni porterei il mancato accordo come cavallo di battaglia. Saluti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog