Cerca

Commento a "Non sempre l'Oligarchia è davvero meglio"

A Posta Prioritaria di Mario Giordano Libero Pensiero Caro Dr. Giordano mi permetta un intervento-commento sulla Sua risposta al Sig. Gianni Rossi, del 1/3 u.s. titolata “Non sempre l’Oligarchia è davvero meglio”. Cito Alexis Carrel, celebre premio Nobel del medicina (nel 1910 praticò il 1° bypass arto-coronarico; e fu un precursore geniale nel trapianto di vasi e di organi). “Il suffragio universale deriva dalla fede nella uguaglianza degli individui, ma tale fede è solo fantasia della ns. mente perché un individuo è uguale ad un altro solo in quanto è uomo e non uno scimpanzé. “Dobbiamo considerare persona anche un idiota le cui attività mentali sono molto inferiori a quelle di un cane? La confusione tra simbolo e realtà ci ha portati ad attribuire le stesse prerogative ad ogni persona. Molti individui in Francia e in U.S.A. non superano l’età psicologica di 10 anni”. E insiste sulla necessità di distinguere tra un’affermazione filosofica e la realtà scientifica. Quanto poi alla “battuta” di Churchill: “La democrazia è il peggior sistema che esista, ma finora non se ne è stato trovato uno migliore”, penso sia solo un bel paradosso. Mi limito a rilevare che questo personaggio (certamente il meglio “conservato” dei 3 grandi: Roosvelt, Stalin e lui appunto, a Yalta), come primo ministro del Regno Unito, fu il 1° responsabile della perdita del Common-Wealth (= ¼ del mondo), come “parcella” pagata, ad USA etc., dagli inglesi per evitare la supremazia tedesca in Europa. Infatti alle prime elezioni post belliche, gli inglesi lo mandarono in pensione colla vittoria laburista. La nostra esperienza italiana, del regime democratico, nato dalla Resistenza, alla luce della conclusione, non proprio gloriosa, della I° e II° Repubblica, non sembra delle più felici… E le recenti elezioni ci dicono chiaramente che gli italiani non ce la fanno più a “Resistere” alla classe politica democratica (nata appunto dalla Resistenza). Loro sì resistenti a molte cose, in primis alla vergogna ed al comune “senso del pudore”. Vedi come hanno accolto la proposta Grillina (e di altri) di ridursi seriamente le prebende. Debbo però riconoscere che in fatto di democrazia, la nostra è stata quanto di peggio noi si potea sperare. Non sarà proprio la Resistenza la causa genetica di questo approdo?? Cordialmente e molti auguri per la buona battaglia Suo Vittorio Gatti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog