Cerca

Il Presidente del Consiglio Superiore della Magistratura=PRESIDENTE del Partito comunista

Sconcerta che un Presidente della Repubblica a fine mandato e con un’età che gli garantisce piena indipendenza di giudizio senza incorrere nelle pericolose reazioni della CASTA che ingabbiarono LEONE e COSSIGA, non abbia un sussulto di democratica indignazione e stigmatizzi come meriterebbero i magistrati attori di tanti soprusi, arbitrii ed ideologiche persecuzioni, protetti dall’Organo Superiore che si limita a condannare ed a minacciare di incostituzionalità le libere, spontanee, preoccupate manifestazioni della gente comune. C’è davvero da ricredersi sullo spirito libertario/democratico del PRESIDENTE, che, anche in questa circostanza, si riconferma l’ortodosso COMUNISTA di sempre.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog