Cerca

Sfogo antinazista

Indirizzato ai tanti concittadini che hanno preferito premiare questa folata di vento nuovo e a quelli che vorrebbero un'amicizia con loro. Erano gli anni '30 quando la Germania soffriva di una fortissima inflazione, dovuta all'immenso debito ereditato dalla sconfitta della grande guerra. Anche allora un uomo portò una nuova folata di vento populista, con promesse troppo allettanti per un popolo ridotto alla fame; l'entusiasmo manifestato oggi ha una forte e innegabile similitudine purtroppo. Non importavano gli slogan contro ebrei, omosessuali, dissidenti politici, zingari, intellettuali, religiosi, neri, intanto loro lo accolsero a braccia aperte. Hitler era innocente (titolo peraltro di un bellissimo libro che dovreste leggere nella speranza che possa illuminarvi), i veri colpevoli del nazismo sono stati coloro che hanno permesso al "nuovo" di affermarsi come salvatore della patria, stando a guardare con indifferenza lo sterminio di massa, il più grande abominio concepito dall'umanità. Come fate a non rabbrividire quando una persona qualunque ha l'ardire si asserire che Mahmud Ahmadinejad è una brava persona? Come fate a non inorridire quando qualcuno si permette di affermare che gli Ebrei sono la disgrazia di questo mondo? Davvero riuscite a credere che questo popolo martoriato sia un pericolo? Come potete anche solo fantasticare che una cultura perseguitata da millenni, che ha subito le disumanità più atroci, possa essere tanto potente? Non vi passa per la testa che se lo fosse vi schiaccerebbe come formiche? E lo meritereste a questo punto, accecati dall'intolleranza, dall'ignoranza, ormai contagiati dal sentimento più becero di antisemitismo. Sarete colpevoli come lo furono i tedeschi, già ora la perdita della vostra memoria storica fa ribrezzo. Se vi piacciono tanto le dittature, ce ne sono tante in questo mondo, trasferitevi in uno di questi paesi e lasciate in pace chi vuole vivere libero! Voglio votare ciò che tu definisci morto e non ti sta bene grillino? Vattene allora dal mio paese. Non capisci che sei un ipocrita? Dici di credere al diritto, all'uguaglianza e poi ti contraddici dando "del coglione" a chi non ha preferito la folata populista. Te ne rendi conto che rappresenti l'antitesi della persona democratica? Rosso, nero, verde, viola, pois e scacchi, chi di questi professa la verità? Ti puoi arrogare il diritto di usare l'intolleranza contro chi come te non la pensa? No, voi non sapete neanche che cosa significhi la parola democrazia. Crescete e studiate ammasso di bambocci ignoranti, senza principi e idee, tanto da rappresentare il massimo del conformismo, da far venire il vomito. E mi raccomando grilline, usate la mooncup! (Disgustoso) Basta che non tentiate minimamente di imporlo a quelle donne che per fortuna si sono emancipate e non vogliono perdere i diritti tanto faticosamente conquistati. Se non volete usare la lavatrice per passare le giornate, una volta tornate da lavoro, a pulire il bucato, a stirare, a lavare le stoviglie, accudire i figli e poi ricominciare il giorno successivo, siete libere di farlo, ma non osate imporlo alle donne libere. Cari signori della sinistra italiana, cercate anche voi di darci un taglio, cercate di riformarvi sul serio e non vergognatevi di diventare liberali (parola che vi inorridisce benché nei paesi moderni del resto d'Europa concilia con la social democrazia). Vi rendete conto che siete un'anomalia? Basta con le nostalgie. Per vent'anni invece di fare politica avete solo fatto antiberlusconismo. Probabilmente se aveste deciso di rispettare l'avversario politico facendo opposizione vera (dura, ma allo stesso tempo costruttiva), oggi non saremmo in queste condizioni pietose. La maggiore responsabilità è proprio vostra, ma siete troppo presuntuosi per rendervene conto. L'odio per il Cavaliere è stato anteposto al bene del nostro paese, perché quell'odio è stato anche l'unico collante che avevate per non andare in frantumi. A causa vostra, questo paese non ha avuto un sano bipolarismo con la giusta alternanza politica che lo avrebbe reso un vero paese democratico moderno. Ancora oggi sta vincendo quell'odio, anteponendolo al benessere di questo povero paese ridotto allo stremo. Credete davvero che chi vota a destra sia l'idiota di turno senza cultura? Il bigotto conservatore? Ancora una volta, dimostrate di non aver capito assolutamente nulla e mi sa che siete voi ad aver perso la battaglia culturale. Votare Berlusconi, per quanto mi riguarda, è la soluzione meno dolorosa in questo paese che non mi offre nessuna alternativa valida. Se in tutti questi vent'anni non avete mai avuto il voto di molti progressisti come me, è perché la vostra politica è stata il massimo della conservazione, paradossalmente è stata progressista quella di destra, almeno in economia. E sempre a voi lancio l'ultimo appello. Tagliatela anche con questo giustizialismo ipocrita con il solo scopo di tenervi stretta la base e demonizzare l’avversario, perché lo sapete benissimo che la magistratura (al contrario di quello che dice il vostro efferato nemico) non è affatto rossa, sapete bene che gioca per se stessa e colpisce indistintamente chi vuole, incluso voi. Abbiate l'onestà intellettuale di non attribuire la caduta del governo Prodi del 2006 alla compravendita di deputati, la memoria l'hanno tutti coloro che non sono "indottrinati" o "bambocci". Provo vergogna quando penso che quell'anno è stato sovvertito il volere popolare perché un ministro voleva riformare la giustizia, soprattutto alla luce dell'inchiesta contro la moglie dell'ex ministro che finì (come spesso accade in molte inchieste di questo paese) nel nulla. Quante responsabilità avete? Siete coloro che hanno impedito di avere una democrazia sana, sì ne sono convinta. Avete anche la responsabilità di aver alimentato l'astio spaccando il paese in due. Ora, sempre a causa vostra, è spaccato in tre e voi state scegliendo di seguire il populismo vero, quello pericoloso, quello che può distruggere intere generazioni. Siete ancora in tempo, non passate alla storia come i responsabili di una tragedia annunciata. E a Renzi: dopo vent'anni, nei quali mi turavo il naso per votare a destra (il male minore), ho votato te alle primarie. E ora cosa fai? Ti allinei al giustizialismo (causa dei nostri guai) e auspichi un'alleanza con un movimento dai connotati nazisti? Devi alzarti e urlare "io non ci sto! Non sarò vostro complice! Non dialogherò mai con chi legge il Mein Kampf!". Che delusione, che vergogna! Meritiamo davvero una dittatura.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog