Cerca

Boldrini, lodi e ipocrisie

L’entusiasmo a favore della neo presidente Boldrini contraria al respingimento dei clandestini ricchi (con almeno alcune migliaia di euro per pagare gli scafisti), è in contraddizione coi miliardi di persone che non possono emigrare perchè prive dell’euro giornaliero per sfamarsi (Cambogia, Zimbawe, NordCorea, CongoRD, Birmania, Haiti, ecc). E’ facile fare i caritatevoli con i clandestini qua (che rifiutano l’uguaglianza coi loro disperati compatrioti), soprattutto se a pagare sono altri (senzatetto, senza lavoro, senza reddito, che si suicidano a migliaia) Meno comprensibile è la critica al respingimento (dopo essere stati curati e rifocillati) nel primo stato di transito in cui c’era la possibilità di fare domanda d’asilo. Soprattutto da parte di chi approvò il governo di sinistra del 1997 che, per respingere i profughi della guerra civile albanese con navi da guerra, ne affogò centinaia, o il governo Prodi del 2008 che decretò l’espulsione di 3 mendicanti romeni senza un centesimo (definiti spregiativamente “accattoni” dal Corriere) nonostante fossero cittadini comunitari e facessero quello che tantissimi extraeuropei facevano senza problemi La colpa non è di chi (accecato dall’ideologia) ha appoggiato regimi che hanno tagliato dell’80/90% i salari degli operai, e ammazzato chi protestava o tentava di fuggire dagli unici stati-prigione della storia La colpa è dell’informazione democratica che, invece di evidenziare tali crudeli contraddizioni, tace P.s.il salario minimo della Moldova è 80 euro, anche 4 volte più basso dei Paesi nordafricani (da cui la nostra anomala sinistra invoca l’afflusso di migranti), ma i -25° invernali impongono spese per riscaldamento/vestiario che lo dimezzano, rendendolo tra i più bassi del mondo. Li, come in mezza EstEuropa, morire di fame e freddo è diffuso, ma da nascondere: è frutto di 50 anni di comunismo interno e 20 anni di buonismo estero

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog