Cerca

La proposta di un cittadino comune.

Egr. Direttore buon giorno, ho 32 anni, mi sono laureato (PER DAVVERO) in Economia Aziendale alla facoltà di Torino – da dove arriva anche l'ormai spero ex ministro Fornero - ma non sono un “tecnico”.Ho iniziato al lavorare subito dopo la laurea ed a distanza di quasi 9 anni posso ritenermi fortunato: ho un lavoro che mi piace, una casa che mi sto pagando con il mutuo, un' auto, una moto... insomma... non mi manca nulla. Fino a qualche anno fa credevo nella politica, credevo nell’imprenditoria sana, credevo che il buon governo avrebbe davvero rimodernato l’Italia. Ne ero convinto, sì. Perché avevano i numeri per farlo... Invece. Invece hanno fallito tutti, anche i tecnici. Quelli che sanno. Quelli che insegnano. Quelli che… probabilmente anche mia nonna o anche un bambino, messi di fronte ad un bel cesto di caramelle quasi pieno (le ns. tasche), senza particolari invenzioni sarebbero stati in grado di riempire un cesto quasi vuoto (le tasche dello stato). Perché così è facile. E’ facile tassare le case in un’ Italia dove l’ 80% della popolazione è proprietaria di un immobile. E’ facile aumentare le tasse sui carburanti. Tanto la macchina siamo costretti ad usarla. E’ facile bloccare le pensioni. E’ facile obbligare la gente a lavorare fino ai primi sintomi dell’ Alzheimer. E’ facile per loro, la “casta” con il culo incollato alla poltrona. Loro che non si schiodano, loro che la crisi non la vivono, loro (e parlo dei 945 tra parlamentari e senatori) che prendono circa 24.000 € al mese. E’ facile per loro andare a grattare nelle nostre tasche. Perché le loro sono gonfie, e non si toccano. Qualcuno, animato dal fuoco sacro dell’ illuminazione politica, di tanto in tanto ci prova. Porta al parlamento proposte di revisione del numero di parlamentari e dei loro stipendi; E il Parlamento respinge. Strano, non ne capisco il motivo. Mi sforzo… ma proprio non capisco. Ed intanto… loro si dicono soddisfatti, perché l’ Italia (fino ad ieri) era sull’orlo di un baratro. Oggi no. Sono soddisfatti perché l’Italia fino a ieri evadeva; Oggi no, perché l’utilizzo dei contanti è limitato a 1.000€ ... grossa risata!!! Ora mi chiedo, ma siamo sicuri che queste manovre abbiano, come dice il ns. Monti dei Fiaschi, risollevato il nostro povero ma sempre bel paese? Io non credo. Non sono un tecnico, ma non credo. E proprio da “non tecnico” ma da ragazzo che lavora e vive, giorno per giorno, tra la gente e con la gente, penso che per l’Italia ci volesse un programma veramente innovativo. Una programma che avrebbe (al di sopra di ogni partitismo) rivoluzionato il modo di lavorare, di guadagnare, di spendere favorendo il consumo e soprattutto limitando quasi a zero la possibilità di evadere. Perché solo se tutti pagano, le tasse si possono veramente abbattere. Leggo sui giornali che l’evasione fiscale è stimata se non sbaglio in 200 miliardi di euro, sì, duecento miliardi !!!Non basterebbe solo recuperare l'evasione per evitare dieci finanziarie ed abbattere così anche le tasse??? Ma come fare? Con una semplicissima manovra: dare la possibilità ad ogni cittadino di detrarre la maggior parte delle spese: ovvero introdurre obbligo dichiarare tutte le spese ritenute "necessarie alla vita ed al sostentamento delle persone e delle loro abitazioni" (spese per acquisto di generi alimentari, spese mediche, elettricisti, idraulici, imbianchini, spese per l'acquisto di carburanti ed energia, spese per l'acquisto di auto, scooter o altri mezzi di trasporto) – questo permetterebbe effettivamente di quasi azzerare l’evasione fiscale dal momento che ogni cittadino dovrà richiedere la fattura o lo scontrino fiscale per l'acquisto di beni o servizi di cui sopra, obbligando così tutti a dichiarare gli incassi della loro attività.(non dimentichiamo che la maggior parte dei lavoratori ambulanti hanno dichiarazioni dei redditi vicine allo zero, non parliamo di medici, dentisti, muratori, idraulici o elettricisti che hanno dichiarazioni simili a quelle di un operaio metalmeccanico). In aggiunta, porterei al 25 % l'IRPEF sul reddito da lavoro dipendete (senza fascia di reddito) più conguaglio del 10 % sulla differenza a fine anno tra quanto guadagnato e quanto speso (dal momento che sarà obbligatorio dichiarare anche le spese). Questo porterebbe un aumento dei consumi perchè tutte le persone tenteranno di portare a "zero" il saldo tra quanto guadagnato durante l'anno e quanto speso. Con un ritorno ovviamente positivo sulla produzione.A questa manovra affiancherei poi: a.. TAGLI ALLA POLITICA - Dimezzamento a partire dal 1/05/2013 del numero dei Parlamentari e dei Senatori. Stipendio massimo mensile per Parlamentari 5.000€ , 8.000 € per Senatori. Riduzione della diaria da 3.500 € a 1.500 € mensili. Contributo telefonico 1.200 € annui massimo. Eliminazione contributo di supporto alle attività. Eliminazione contributo di trasporto; Dimezzamento auto blu. Utilizzo auto blu solo per occasioni istituzionali. Eliminazione Immediata dei vitalizi. Introduzione sistema pensionistico come per lavoro dipendente. a.. BENI DI LUSSO - Super bollo come oggi quantificato ma per le auto che superano i 75.000 € di valore applicabile sui veicoli immatricolati dal 1 gennaio 2012 e superiori ai 200 kw. Tassazione barche sopra i 200.000 € e posti barca oltre i 12 mt. a.. AUTO - Esenzione bollo per auto nuove al di sotto dei 20.000 € (per aiutare il mercato delle auto medio piccole). Esenzione bollo per tutte le auto con più di 5 anni di età (per favorire il mercato dell'usato anche su auto di grossa cilindrata) a.. IMPOSTA CARBURANTI - riduzione accise fino al raggiungimento del tetto massimo di 1.0 €\Lt per il gasolio e 1.15 €\lt per la benzina. Tale diminuzione dovrebbe un impatto positivo su tutte le merci che viaggiano su gomma; diminuendo i costi di trasporti diminuiranno i prezzi delle merci. Diminuiti i prezzi delle merci aumenteranno i consumi; Aumentando i consumi aumenteranno anche il numero dei trasporti e di conseguenza aumenterà l’utilizzo complessivo di carburanti andando così a compensare la diminuizione di prezzo. a.. PENSIONI DI VECCHIAIA - nessuna modifica. a.. PENSIONI MINIME - rivalutazione come da leggi vigenti. a.. SURPLUS SCUDATI - I possesori di capitali rientrati dall'estero e scudati dal governo Berlusconi al 5% dovranno pagare un importo ulteriore dell' 5 % (non 1.5 %) che sarà utilizzato per finanziare l'indicizzazione all'inflazione delle pensioni appartenenti alle fasce sociali più deboli. Dal momento che chi aveva portato capitali all’estero l’ha fatto per non pagare le tasse, è giusto che venga oggi penalizzato più di altri. a.. COMMERCIANTI E AGRICOLTORI - come da manovra Monti. a. SOVRAFFOLLAMENTO CARCERI - riduzione del 40 % della pena in caso in cui in condannato accetti (previa installazione del braccialetto elettronico) di essere impiegato per il rifacimento di strade, ponti, ferrovie, ristrutturazione delle stesse carceri. Possibilità applicabile solo in caso di reati con pene inferiori ai 15 anni. a.. ENTI LOCALI - valutazione tecnica degli enti secondo la loro necessità. Eliminazione di tutti gli enti non necessari e dei loro organi. Messa in mobilità del personale pubblico non competente e con basse performance dopo una valutazione popolare fatta tramite uno “sportello del cittadino”. a.. IMU - come da manovra Monti ma solo su seconde case. a.. IMU - obbligatoria su tutti gli immobili appartenenti al Clero o alle banche. a.. IVA - riduzione al 17 % (per favorire il consumo). Le imprese verseranno l’IVA al momento dell’incasso delle fatture senza l’ obbligo di anticiparla. a.. RIDIMENSIONATE LE PROVINCE - Avranno Consigli di 7 membri - non dieci come da proposta monti - (eletti dai Consigli comunali), non Giunte. Cambieranno gli ambiti di intervento e di coordinamento con le Regioni. Gratuite tutte le cariche amministrative locali di organi non contemplati dalla Costituzione. Purtroppo io non ho le competenze (ed i dati) necessari a valutare complessivamente le proposte sopra espresse e gradirei quindi che qualche buon economista si dedicasse a darmi un’idea del valore economico di una manovra così articolata, con particolare attenzione all’ impatto che i primi punti potrebbero avere soprattutto per quanto riguarda l’evasione fiscale. Cordiali saluti Gianluca Gennari

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog