Cerca

L'altro Francesco

Il 12 marzo, 150° anniversario della nascita di d'Annunzio, si apriva il conclave che avrebbe eletto papa il cardinal Bergoglio col nome di Francesco I. "Ho pensato a Francesco d'Assisi - spiega il nuovo vescovo di Roma -, l'uomo della povertà, l'uomo della pace, l'uomo che ama e custodisce il creato". Ma anche in d'Annunzio (forse non tutti lo sanno) il riferimento all'Assisate è forte, ché in lui il poeta vide il prototipo di chi si contrappone ai potenti con la forza dell'amore. La sera del 3 agosto 1937 il comandante donò un quadro al convento dei frati minori cappuccini di Barbarano di Salò: il quadro del "Francesco crociato" realizzato a Venezia da Ercole Sibellato, forse - su richiesta di d'Annunzio - a ricordo dell'impresa di Cattaro. Nei giardini del Vittoriale egli volle inoltre la statua del Poverello d'Assisi armata di pugnale - la "spada corta del Volontario" - per simboleggiare appunto il suo Francesco "crociato"

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog