Cerca

Lo squallido attacco di Travaglio al Presidente Grasso

Nel suo editoriale del Fatto Quotidiano del 19 marzo 2013 il "sig". Travaglio attacca il neo-Presidente del Senato, Grasso, sotenendo tra l'altro che "Grasso, per evitare attacchi politici, s’è sempre tenuto a debita distanza dalle indagini più scomode su mafia e politica, mentre altri pm pagavano e pagano prezzi indicibili per le loro indagini. Nessuno l’ha scritto, nei soffietti al nuovo presidente del Senato: ma Grasso, quando arrivò alla Procura di Palermo nel 2000, si ritrovò Schifani indagato per mafia e lo fece subito archiviare (l’indagine fu riaperta dopo la sua dipartita)." Per l'ennesima volta il "sig". Travaglio ha superato ogni limite. Non voterò mai il PD, partito che mi schifa, fatto di persone che, nella maggior parte dei casi mi schifano, ma il Presidente Grasso è un'eccezione. Lo ritengo una delle poche persone serie all'interno di quel partito, un grande uomo ed una bravissima persona. E' stato un grande magistrato, l'unico che, all'epoca di Falcone e Borsellino, corse davvero il rischio di essere ammazzato come loro (su confessione dello stesso Brusca che doveva ucciderlo su ordine di Riina e non lo fece per motivi tecnici). E' stato il regista della cattura di Provenzano, ma ha avuto la gravissima colpa (agli occhi del "sig". Travaglio e di quelli come lui) di dire che il governo Berlusconi ha fatto cose decenti contro la mafia. Inoltre, i "pm che pagavano e pagano prezzi indicibili per le loro indagini" secondo il "sig". Travaglio altri non sarebbero che i suoi (di Travaglio) amici Caselli ed Ingroia. Il primo che, a sentir Cossiga qualche tempo prima che morisse "andrebbe cacciato a pedate dalla magistratura", il secondo "è solo un ridicolo tappabuchi" secondo il Presidente del Movimiento Pro Justicia del Guatemala. Due signori che, anzichè dar la caccia ai criminali, deducono con elucubrazioni mentali di stampo ossessivo chi è buono e chi è cattivo tra i politici nostrani. Il "sig". Travaglio dovrebbe semmai ricordare le sue vacanze estive del 2003, quando frequentava con la sua famiglia il sig. Pippo Ciuro, condannato per favoreggiamento alla mafia tre mesi dopo tale frequentazione e dedito alla pedopornografia.... Esattamente come il suo sodale, lo Psico-suino Grillo, il sig. Travaglio è un altro squallido moralista dal portafogli gonfio che predica bene e razzola malissimo....

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog