Cerca

marò

Egr. Direttore, il caso di marò mi ha posto in uno stato tra lo sconcerto e l'umiliato. Se volevamo farli rimanere in Italia avremmo dovuto avere gli anche attributi per proseguire su quella strada invece .... l'unico risultato è stata l'ennesima figura da fanfaroni che ci abbiamo fatto. Un pò come certi tacchini, abbiamo gonfiato le penne per far credere ch eravamo qualcuno, ma è bastato guardarci un pò storto per farci tornare a più miti e consigli. Insomma anche questa volta i notri rappresentanti ci hanno deliziato con l'ennesima ottima performance del loro storico sport preferito: calare le braghe, e con loro anche noi! Mi dicono che hanno un accordo scritto che i due soldati italiani non rischiano la pena di morte. mi permetto solo due riflessioni: la prima è sulla velocità con cui l'India ci ha prodotto detto documento. La seconda è quanto un accordo tra un ministro italiano ed il presidente del governo indiano, senza ratifica da parte dei due parlamenti, possa vincolare il giudice penale di un altro stato (il kerala, sempre si scriva così, è uno stato autonomo, con un suo governo ed una sua magistratura)ad applicare il codice penale in modo difforme da quello che ritiene più opportuno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog