Cerca

Non abbiamo un governo: C'é Bersani

Non abbiamo un governo. C’é Bersani. Se Berlusconi fosse stato al suo posto di Bersani, sarebbe scesa dal cielo acqua a cataratte. Questi sinistri non si smentiscono mai. Per loro tutto è permesso. Lo insultano, cercano in tutti i modi di metterlo fuori combattimento, gli infilano “guide turistiche” sotto le lenzuola, il telefonino sempre acceso, in modo che possono fotografare tutti i movimenti. Lo spiano attraverso il buco della serratura, lo denunciano al mondo intero comprando e pagando fior di quattrini, pagine di giornali. Si stracciano le vesti gridando allo scandalo e con la tecnica ben collaudata del tristemente famoso, partito comunista sovietico, lo accusano di nefandezze che non trovano riscontro. Insinuano, pungono, adoperano la bugia come fedeltà al loro partito, piangono e imbrogliano. Imbrogliano e ridono. Possono comprare Senatori e Onorevoli, chiedono l’aiuto di Giudici nostrani e stranieri, di “barboni” europei e puttanelle. Possono chiamare l’aiuto di personaggi della stampa, attori e poeti, assi dello sport, premi Nobel, moderatori della televisione e della radio, pagliacci, parolieri e cantanti. Per loro, moderni “ Illuminati” tutto è lecito, purché Berlusconi sia eliminato

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog