Cerca

Cadaveri in nome dell'Europa Unita

Le vicende di Cipro non possono non farci riflettere. Negli ultimi anni, utilizzando la crisi come appiglio, si sta assistendo al progressivo ed inesorabile sgretolamento dei pilastri su cui si e' fondata la società occidentale. Libertà, conquiste sociali, benessere economico un tempo obiettivi da raggiungere e consolidare sono diventati ostacoli da abbattere nel nome dell'Europa Unita.  In linea con questa azione di demolizione assistiamo a verifiche ispettive sul patrimonio dei cittadini, a tasse inique sulle proprietà immobiliari e ora all'esproprio del denaro direttamente dai conti correnti.  Cadaveri in nome della UE. Un tempo si chiedeva ai cittadini di imbracciare le armi e di andare in guerra in nome della patria (con la P maiuscola) ora si chiede ai cittadini di combattere una guerra finanziaria spogliandosi di parte dei propri risparmi.  Il problema e' che in questa guerra finanziaria non si comprende chi e' il nemico. Alcuni individuano il nemico negli speculatori, altri nelle nazioni europee forti come la Germania che punterebbero a diventare egemoni, altri nei paesi emergenti, altri negli Stati Uniti, ma la lista dei possibili nemici e' praticamente infinita.  Forse il vero nemico che dobbiamo combattere siamo noi stessi. Si, proprio noi, perche' negli ultimi decenni abbiamo perso il controllo sui nostri dirigenti, gli abbiamo affidato le chiavi della nostre nazioni e non ci siamo accorti che ci stavano conducendo in un baratro.  E' necessaria una nuova consapevolezza, la capacita' di immaginare un futuro diverso, basato su regole diverse e su un sistema di controlli che blocchi sul nascere l'esproprio della rappresentanza al fine dell'arricchimento personale e del partito.  Ricominciamo a pensare, troviamo un'idea per lo sviluppo e intorno a quell'idea costruiamo il futuro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog