Cerca

La lingua italiana

La nostra bellissima lingua ci permette di affermare un concetto che un se, un ma o una virgola possono stravolgere. Premesso che non voglio difendere o accusare nessuno ma voglio solo fare una riflessione generale, vengo ai fatti. Battiato usa il termine troie in parlamento, Guzzanti scrive un libro Mignottocrazia che esprime lo stesso concetto, giornalisti vari scrivono articoli sulla indecente Minetti ecc. nominate in regioni o parlamento grazie a favori sessuali, la Mussolini manda a fanculo giornalisti in Tv, D'Alema fa altrettanto con suoi colleghi, tralasciamo Grillo, ma lui perlomeno è coerente, sono anni che usa la stessa terminologia. Quindi direi che il luogo può imporre l'uso del linguaggio diretto o sottointeso, il libro "la Casta" lanciava il messaggio, attuale ancora adesso, che i nostri politici erano dei ladri e faccendieri, se Battiato avesse detto:" nel parlamento italiano siedono persone grazie a favori sessuali elargiti" forse nessuno si sarebbe scandalizzato. Ultimo appunto, perché la notizia mi ha fatto riflettere sull'uso della parole Responsabilità e Legittimo Impedimento, Berlusconi non si è presentato all'incontro con Bersani perché doveva incontrare i suoi legali per mettere a punto la strategia riguardante la causa di separazione da Veronica Lario, ora delle due l'una, è più importante la causa personale che i bene dell'Italia o il legittimo impedimento vale solo per certe cause e per altre no. Comunque con la nostra bellissima lingua si potrà sempre dire tutto e il contrario di tutto contemporaneamente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog