Cerca

la terra dei cachi

LA TERRA DEI CACHI Elio e le storie tese la portò a Sanremo e si classificò seconda ma in compenso prese, quell’anno, il premio della critica. Il classico melodico aveva inevitabilmente ceduto il passo al “dolce stil novo/ realismo”, il nuovo metodo di dire in musica, più che fare spettacolo. Oggi, dopo qualche anno da quell’inatteso exploit, mi sono permesso, gli autori non me abbiano, di rivisatare la nota canzone sostituendo solamrnte la parola Italia con quella di Amanda. Per me è Amanda sì, Amanda no, la strage impunita. Questa è la terra dei cachi, una pizza in compagnia, una pizza da solo, un totale di due pizze e l’Italia è questa qua. E’ facilmete intuibile parlo dei caso Meredith Kercher che aveva visto imputati, poi assolti da un grado di giudizio, i fidanzatini Raffaele Sollecito e Amanda Knox. Dopo solo un anno dalla sentenza di assoluzione, altro giro, altra corsa, si riparte con una nuova recusatoria e viene “annullata” la precedente sentenza. In prima istanza c’era un giudice di serie “B” oggi il caso sarà riesaminato da un giudice di serie “A”. Continuano pure ad essere lo zimbello di tutte le Nazioni dando adito alle maggiori testate giornalistiche straniere di sguazzarci dentro. La domanda che mi faccio è: quando la giustizia avrà la “G” maiuscola? Qualcuno mi potrà dire che esistono diversi gradi di giudizio ma miei cari signori è possibile dover riprocessare la gente infinità di volte con la speranza che la macchina si fermi subito e prima? Utopia la mia? Mi consola sapere che oltre la giustizia terrena esiste quella divina a cui “tutti” dogati e non dovranno rispondere. Lì, 29 marzo 2013.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog