Cerca

Il punto della situazione

IL PUNTO DELLA SITUAZIONE Quando agiva come “autodesignato” Presidente del Consiglio, ed anche dopo aver ricevuto dal Capo dello Stato il limitato mandato esplorativo, l’on. Bersani ha avuto modo di esporre il suo pensiero e la sua volontà operativa in maniera ampia, con convinzione e determinazione, ricorrendo anche frequentemente ad una singolare espressione verbale, quella di concludere le proposizioni a suo avviso particolarmente incisive e determinati con la parola “punto” preceduta e seguita da una pausa atta ad evidenziarla -. Tale dizione ricorrente non può non richiamare alla memoria l’apologo che , nell’insieme della “filastrocche per bambini” dedicate al “punto” da Gianni Rodari, con la abituale finezza e maestria, ed in cui si legge che: “Un punto piccoletto, superbioso e iracondo, "Dopo di me - gridava- verrà la fine del mondo!" Le parole protestarono: "Ma che grilli ha per capo? Si crede un Punto-e-basta, e non è che un Punto-e-a-capo". Tutto solo a mezza pagina lo piantarono in asso, e il mondo continuò una riga più in basso”. Il riferimento al “punto” dell’on. Bersani è troppo evidente perché sia necessario commentarlo ed anzi, indipendentemente dalla efficacia simbolica e didattica dell’apologo, sembrerebbe proprio che lo stesso abbia nell’attualità valenza, per così dire, profetica (anche quanto all’accenno ai “grilli” che il PUNTO “ha per il capo”) ed in ogni caso una prospettiva ottimistica poiché dà atto che il “mondo continuò” sia pure “una riga più in basso”. La filastrocca reca come titolo “IL DITTATORE” , ma questo potrebbe essere considerato improprio poiché, quanto al “punto” di Rodari si potrebbe configurare solo un “tentativo” di dittatura non realizzato per l’opposizione delle parole. E ciò è sostanziale poiché la dittatura è una tragedia mentre un semplice tentativo fallito, specie in considerazione delle modalità esecutive, potrebbe assimilarsi solo ad una farsa su cui sorridere (sia pure amaramente). Franco Scalzi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog