Cerca

grillini, grilloni,grillacci,

e'il disorientamento sui valori che ha portato alla corruzione politica, alle tangenti, alla paura degli onesti di impegnarsi, si pensi agli onesti trasparenti e specchiati nella loro vita e,tuttavia, disancorati, dalla realtà. Si pensi anche a un'altra categoria di onesti, che pur non commettendo nulla di illecito, non si domandano mai come possano mantenersi i loro partiti. Infine, vado con la mente agli onesti che voltano la testa dall'altra parte quando accade qualcosa, quasi la vicenda della gestione pratica della politica non li riguardasse. E che dire poi di chi ha i numeri per farsi avanti e partecipare, eppure si defila per paura di "sporcarsi le mani" rifiutando responsabilità pubbliche. E' forse morale relegare interi settori pubblici all'inefficienza? E' possibile che una società civile che coglie prontamente i segni del proprio degrado, che si erge contro la corruzione dilagante, che contrasta la disaffezione nei confronti del bene comune, si rassegni alla deriva delle sue istituzioni pubbliche. forse grillo è a questo che pensava quando ha fondato il grillismo, ma ha dimenticato che tutti gli uomini o donne davanti al potere tradirebbero pure i loro cari. Questo è il fallimento dell'uomo, la vita comunque continua e i soliti pirla continueranno a pagare questa masnada di delinquenti aggiungendo a questi anche i grillini.Grillo troppo piccolo per fare qualcosa di grande. cossio

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog