Cerca

Chi parla e non conosce. terremoto dell'Aquila

Mi riferisco al piano a b c del 07 aprile 2013 – guido – . Berlusconi può avere tante colpe, ci possono essere persone che hanno preso mazzette sulle new town, alcuni componenti inadeguati ecc. Non si può non riconoscere che Berlusconi ha messo un tetto sulla testa dei senza tetto, sicuramente ci sono dei problemi perché non c’è il negozietto sotto casa, non c’è la passeggiata nel centro storico, ma non va dimenticato che l’Aquila è una città di montagna ed il tetto in testa è vitale. Recentemente è stato detto “ la ricostruzione viene osteggiata con l’intento di vedere franare i progetti del partito opposto”. Se la città dell’aquila è stata rasa al suolo da un terremoto, ci saranno delle colpe, perché se dalla Fontana Luminosa si percorre corso Vittorio Emanuele ci si rende conto che ci sono molti fabbricati (di proprietà di banche ed assicurazioni ecc. ) che non hanno subito danni strutturali e non solo. Questo vuol dire che gli immobili crollati non avevano i requisiti dell’abitabilità (salvo eccezioni). Del resto va detto che tantissime delle case crollate erano destinate alla locazione per gli studenti universitari fuori sede e spesso “in nero” con evasione dell’IRPEF, come se non bastasse, per un posto letto gli universitari pagavano mediamente 400,00 euro (in Germania, una stanza 5X 5 con l’uso della cucina e servizi comuni costava circa 200,00 euro compreso luce, acqua e pulizia - il gas non era usato e l’energia elettrica costava pochissimo -). Faccio solo notare che sono stato in Umbria prima del terremoto e sono ritornato dopo il terremoto; c’erano delle case isolate decrepite e ricoperti di rovi (disabitate) prima del terremoto e dopo il terremoto ho ritrovato villette di campagna rimesse a nuovo e forse anche disabitate, ipoteticamente ricostruite a spese della comunità. Dirò di più, forse con il terremoto dell’Umbria (come altri terremoti) ci sono stati faccendieri (di sinistra ) nulla tenenti e come per incanto sono diventati proprietari di società e di chalet sulle spiagge della costa marchigiana. La ricostruzione dell’Aquila va fatta con gli aiuti di stato ed anche con il contributo di chi negli anni ha salassato gli impotenti studenti universitari e frodato Stato con l’evasione fiscale. Il terremoto dell’Umbria si è verificato nel 1997 , governava la sinistra Prodi, d’Alema ed Amato. L'arriccchimento illecito oggi si può ricostruire.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog