Cerca

assunzioni facili al ministero degli esteri

Gentili lettori vorrei sottoporre alla vostra attenzione quanto da me letto in un volantino del Sindacato UGL/Intesa. L’oggetto di questa nota è una situazione di alta immoralità e che certo risanandosi non contribuirà alla rinascita economica del Paese, tuttavia sarà un singolo mattoncino che andrà a far parte del muro della giustizia che stiamo provando ad erigere. Ebbene, nel mentre la gente si suicida e chissà quanta altra non si suicida per paura, alcune istituzioni, nel più assoluto riserbo continuano imperterrite a condurre la propria gestione nello stesso modo utilizzato durante il periodo delle vacche grasse. La situazione Italiana è senza soluzione di continuità, non vi è nulla dietro l’angolo che faccia sperare o che dia ottimismo alla popolazione. L’unica speranza è che si compia il primo passo che è certamente quello di riappropriarsi di valori facendo della trasparenza e della onestà delle bandiere. Vorrei che le SS.LL. valutassero l’opportunità di redigere una interrogazione parlamentare a risposta scritta da indirizzarsi al Ministro degli Esteri pro-tempore che, purtroppo per noi, è anche il Presidente del Consiglio. L’oggetto della interrogazione parlamentare dovrebbe essere una dura richiesta di spiegazioni sul perchè il Ministero degli Affari Esteri continui ad assumere personale a contratto (circa 10 unità sono ora in attesa di nuovo concorso solo negli USA). Gli stipendi che percepiranno questi personaggi in cerca di autore sono nettamente superiori a quanto avete molti di Voi deciso di liquidarvi quale gettone per l’appartenenza alla Camera ed al Senato. I contrattisti a legge italiana negli Stati Uniti percepiscono 6500 euro al mese o anche più, godendo inoltre di benefici quali l’assistenza medica che in Italia ormai è solo un triste ricordo. I contrattisti a legge locale negli Stati Uniti viaggiano pur loro oltre i 5000 euro mensili con gli stessi benefici sanitari e con notevoli prebende legate al nucleo familiare a carico. Questi sono stipendi da capogiro, considerato anche che questi individui non subiranno mai il disagio di trasferimenti in altre citta' o Paesi ma resteranno sempre dove sono nati. In un Paese in cui ci si suicida percependo 400 euro di pensione, una situazione del genere non può più essere tollerata da chiunque abbia un minimo di onestà intellettuale e di dignità. Gli stipendi italiani sono congelati intorno ai 1200 euro di media (livello salariale piu’ simile a quello percepito nell’Africa Sub Sahariana che in un Paese del G8), gli aumenti sono bloccati e ogni possibilità di assunzione nel pubblico impiego è ridotta alla impossibilità, tanto è vero che attraverso lo spending review i ministeri devono pianificare gli esuberi. E’ impossibile sopravvivere con questi stipendi in Italia e ci si deve chiedere come mai gli stipendi statali italiani siano i più bassi d’Europa, ma i partners europei pagano il loro personale a contratto circa la metà di quanto li paghiamo noi (dalla Polonia con 2500 dollari al mese alla Francia con 3600 dollari al mese, e così via…). Vi sembra possibile? Auspico, e concludo, che voi facciate qualcosa: risparmiamo qualche milione di euro casomai distribuendolo ai nostri connazionali bisognosi, alle persone che meritano ma che sono state abbandonate dal sistema e non a questi individui la cui fedeltà alla Repubblica non è neanche richiesta e che quotidianamente mordono la mano che li nutre. Grazie per la vostra attenzione!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog