Cerca

L'attuale situazione politica e le responsabilità del Capo dello Stato

Attualmente stiamo vivendo una situazione anomala e paradossale. Mai era accaduto finora che un presidente, incaricato di verificare la possibilità di formare un nuovo governo, fosse tenuto a bagnomaria, come è toccato all’On. Bersani, che, battuto nel suo tentativo fallimentare, non è stato sostituito da nessun altro, in attesa non si sa di che. Mai un Presidente della Repubblica si era comportato come Napolitano, che pure alcuni vorrebbero che si ricandidasse per un secondo mandato. Che cosa ha escogitato il grande Napolitano? Ha inventato la formazione di un comitato di saggi, che non si sa a quale titolo lo siano, che, nel giro di dieci giorni dovrebbero escogitare la formula magica per risolvere i problemi dell’Italia. Così come avrebbe dovuto risolverli il prof. Mario Monti, che invece l’ha affondata. Il fatto più grave, anzi, la maggior colpa del Presidente della Repubblica, è quella di aver risuscitato il governo Monti, bocciato dalle camere e rimasto in carica per il disbrigo dell’ordinaria amministrazione. Come se non bastasse, Monti è stato sonoramente battuto alle elezioni politiche ed avrebbe dovuto nascondere la faccia nella sabbia per la vergogna. Invece, richiamandolo in vita dal mondo dei morti, il Presidente Napolitano lo ha incaricato di procedere sulla via delle riforme e della tassazione esorbitante dei redditi degli italiani, per dimostrare al mondo che un governo lo abbiamo. Nessuna persona onesta può concordare con lui, anche perché nel Parlamento e nel Senato ci sono ampie possibilità di formare una nuova maggioranza di governo. Ciò che nasconde la sua manovra è abbastanza chiaro per chi sa osservare i fatti della politica, ma non è certamente nell’interesse degli italiani, che hanno bisogno di un governo efficiente subito e non di giochini per distrarre la pubblica opinione. Lo stesso padre Livio Fanzaga, il direttore di Radio Maria, che di politica se ne intende abbastanza, ha osservato che il comitato dei saggi, in dieci giorni, non potrà risolvere certamente i problemi che nessun governo è riuscito finora a risolvere. Claudio Di Mella

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog