Cerca

Bersani e il giocattolo rotto

Bersani e il giocattolo rotto Egregio Direttore, più volte mi sono chiesto il motivo dell’ostinazione, da parte di Bersani, di inseguire i Cinquestelle per la formazione del Governo, ed una risposta, forse semplicistica, me la sono data. La riuscita del suo progetto era ardua e la richiesta di collaborazione giustificava il perdurare del suo incarico, nella speranza di implosione del Movimento Cinquestelle, al fine di trasformarlo in un partito satellite. Inoltre, in caso di fallimento, far cadere sui neofiti la responsabilità del mancato appoggio. Ma questa ostinazione può essere interpretata anche in un altro modo forse un po’ suggestivo e originale. Bersani nel ricevere l’incarico si è comportato come un bambino che nel ricevere un giocattolo rotto lo adatta ai suoi scopi e si inventa altre soluzioni per divertirsi. Ha ricevuto l’incarico fasullo, da cui non aveva niente da recuperare, e si è inventato le strane consultazioni per divertirsi. Con ogni probabilità il segretario del PD aveva già in programma quel tipo di consultazioni, ma ricevendo il giocattolo rotto non ha voluto rinunciare a porre in essere un’alternativa originale ed inconsueta che gli consentiva, tra l’altro, di recuperare consensi nella giostra di movimenti e associazioni, molto vicine al PD. Antonio Mirabile

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog