Cerca

Disattendiamo un altro referendum,quello propositivo...

Novembre 1987,il Referendum popolare,con il consenso dell'80,2% dei partecipanti (che furono il 65,1% degli aventi diritto) sancì la responsabilità civile dei Giudici. Giugno 1995,un altro Referendum,con la partecipazione del 57,4% e il consenso del 54,9% di codesti,abrogò la norma che definisce pubblica la RAI,in modo da avviarne la privatizzazione. Tre esempi classici di volontà popolare disattesa,imbalsamata e perfino derisa. Perchè non si può far lo stesso,al contrario,per il referendum del 26 Giugno 2006 (ufficialmente : referendum costituzionale,approvazione legge di modifica alla parte seconda della Costituzione,che avvenne con la partecipazione del 53,6% degli aventi diritto e cui disse no il 61,7% dei partecipanti) ? Come scrive Maria Giovanna Maglie,avrebbe ridotto (anche se non drasticamente) il numero dei parlamentari,avrebbe abolito il bicameralismo,avrebbe abbattuto costi e burocrazia,il tutto auspicato (a voce) dalle odierne forze politiche e (a sentimento) dal popolo "sovrano". Avremmo soprattutto evitato che comparisse sulla scena politica il casinista Grillo e i suoi incerti grillini...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog