Cerca

tolta anche la speranza

Ho assistito alla trasmissione “piazza pulita” dell’11 aprile e sono disgustato da quanto ho sentito relativamente alle retribuzioni, indennità, prebende varie attribuite a tutti quelle menti eccelse e super uomini chiamati ( spesso dalla politica e non dal merito) a gestire, governare, amministrare, società private e pubbliche, assicurazioni, enti pubblici e privati e chi più ne ha più ne metta. Le cifre milionarie sentite sono tali da lasciare esterrefatto il normale cittadino che,anche grazie a quei managers e gestori, capaci ed oculati, del pubblico e privato, vive di stenti e deve attingere alle misere pensioni dei genitori che, avendo cambiato abitudini e menù, riescono, dei 500 euro di pensione, a risparmiarne 200 o 250 per far comprare mezzo chilo di pollo o qualche uovo ai nipoti. Questi magnati non sanno forse che gli anziani per aiutare a sopravvivere figli e nipoti sono ridotti ad alimentarsi con una tazza di latte al mattino ed una alla sera e con una minestrina o un piatto di spaghetti a pranzo. Può darsi che questa alimentazione possa giovare alla loro salute dopo aver lavorato con la schiena curva o alla catena di montaggio e dopo aver contribuito a costruire questa Italia ma può darsi anche che l’accumulo ingiustificato delle fortune vanno a perpetuare situazioni di privilegio e creare classi di neo feudatari e di neo ricchi che costituiscono un’offesa per l’uomo che non si trova ad avere rendite di posizioni.. A nome di questi cittadini io chiedo a tutti coloro che si candidano a governare,( destra, sinistra, centro, centro destra, centro sinistra, contestatori) questo paese e che propongono otto punti, sedici, ventiquattro o programmi megagalattici che queste persone possano pure continuare a percepire quei compensi ma che paghino su questi compensi un’imposta di almeno l’80 % (in aggiunta alla tassazione normale),per creare un fondo di solidarietà. Vogliamo forse che quella generazione alla quale viene oggi tolta anche la speranza, cosa che meno costa, possa reagire in maniera inconsulta e si appropri in autotutela, sbagliando, di quello che ingiustamente gli è stato tolto? Francesco Amoroso, uomo qualunque.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog