Cerca

LETTERA A PRESIDENTE NAPOLITANO

Buon giorno Signor Presidente, mi auguro che a Lei giunga questa breve istanza ma soprattutto che Le venga sottoposta e non nascosta, affinchè la possa leggere e considerare. Solitamente quando uno sbaglia grossolanamente e in modo grave e reiterato e' prassi consolidata che prima venga piu' volte richiamato e in seguito, perdurando, licenziato. Chiedo a Lei Signor Presidente se, in ottemperanza a tale comprovato metodo di valutazione dell'altrui operato, vista la situazione che si e' venuta a creare, aggravandosi, a seguito degli immani inconfutabili errori commessi dal Signor Monti e dal suo cosi' detto Governo Tecnico, causa accertata di enormi sfaceli, ritenga di dover ancora mantenere al Signor Monti la Nomina di Senatore a Vita e conseguenti benefici.? Non ritiene più giusto revocargli la nomina di Senatore a Vita, poichè quella di Presidente del Consiglio se l'è revocata da solo con il suo triste operato? Va considerato, a maggior ragione, che e' stato anche inadempiente nei Suoi confronti in riferimento alla promessa, più volte espressa e diffusa da tutti gli organi di stampa, che non si sarebbe candidato alle elezioni: impegno chiaramente non mantenuto. Prescindendo dalla manifesta incapacità dimostrata, non ritiene anche che tanti casi di disperazione culminati con atti estremi di suicidio non possano essere considerati causa indiscussa di revoca.? Lei Signor Presidente, che nella sua lunga Militanza Politica, anche se ormai in un Partito Comunista meno efficace, nel quale da sempre La vede impegnato in prima linea come sensibile e instancabile difensore dei lavoratori e dei ceti meno abbienti, proprio in virtu' dei Suoi trascorsi e certamente nella non sopita ideologia che ha caratterizzato tante Sue battaglie sostenute per il Popolo Italiano, non ritiene sia il caso con un ultimo atto di assoluta giustizia per i Suoi Connazionali e per tutta la Nazione che Lei rappresenta, lasciare un tangibile segnale di ritrovata giustizia sociale che sicuramente, ritrovando se stesso, La fara' ricordare per quello che Lei in tempi ormai lontani fece per tutti noi. La ringrazio per l'attenzione, se vorra' concedermela, e la saluto con grande cordialita'.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog