Cerca

Ma quale merito?

Ho 27 anni e una laurea con lode della quale vado molto orgogliosa. Ultimamente ho sentito molto parlare di "premiazione del merito" e di "attenzione per il futuro dei giovani" e vorrei dare la mia testimonianza. Chiedendo l'accesso agli atti per il concorso di Dottorato presso l'Università "Sapienza" ho ottenuto una dichiarazione firmata dalla Presidente della Commissione nella quale non soltanto si ribadiva la totale assenza di criteri o griglie di valutazione precedentemente dettati dagli organi competenti, ma si sosteneva che gli elaborati vengono corretti, cito, sulla base della discussione collegiale orale sui contenuti scientifici e metodologici dell'elaborato stesso e della sua aderenza alla traccia del tema proposto. Ora mi e Le chiedo: come si può pensare di premiare il merito se non vengono stabiliti i criteri che ne permettano una valutazione oggettiva e trasparente? Ho inviato questa testimonianza anche al Ministro Profumo, senza ottenere una risposta. Inutile dire che sono molto amareggiata. Cordialmente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog