Cerca

L’Italia ha bisogno di un golpe.

Egregio Direttore penso che al punto in cui il paese è arrivato , ci sia solo una soluzione. Impedire a questi politici inetti ed incapaci di continuare a fare dei danni. A causa della loro inconcludenza dovremo sobbarcarci ancora per cinque anni una pletora di deputati e senatori. Il bene del Paese per questi signori non esiste. Non hanno più nemmeno il coraggio di guardare il paese malato. Continuano a propinarci la solita medicina fatta di parole, di posizioni ideologizzate, di distinguo. Anche il movimento cinque stelle non si discosta da loro. Parole, ostruzionismi, incapacità, impreparazione. Penso che un bel colpo di stato messo in atto dai nostri militari sia la soluzione per sbloccare la situazione. Impedire ai parlamentari di entrare nel parlamento. Il governo provvisorio retto dal Capo di Stato Maggiore della Difesa e composto da personalità capaci e competenti dovrebbe gestire il paese con pienezza di funzioni e con l’emanazione di leggi di emergenza. Dovrebbero essere costituiti dei gruppi di lavoro, tipo quelli recentemente chiamati dal Presidente Napolitano, per riscrivere la costituzione, il nuovo ordinamento dello Stato, con tagli drastici in tutti i settori. Basterebbe un solo premier (con l’eliminazione di una presidenza), una sola camera, un nuovo testo unico amministrativo che obblighi tutti i centri di spesa a non spender soldi che non hanno ed imporre che gli amministratori, quando sbagliano, oltre ad essere sollevati dall’incarico dai responsabili del governo ,siano chiamati a rispondere , anche penalmente, del loro operato. Fatto questo lavoro ed emanate le leggi per il funzionamento del nuovo Stato Italiano, dovrebbe essere ridata la parola ai cittadini per eleggere i nuovi parlamentari. Basterebbero un centinaio di deputati in tutto. Il premier dovrebbe essere eletto dai cittadini con una unica consultazione elettorale . Il partito che prende più voti dovrebbe avere la maggioranza dei deputati. All’opposizione il compito del controllo. Poche cose scritte e dette con semplicità. La farraginosità dovrebbe essere debellata. Ma il mio è, forse, solo un sogno. Giovanni Ridinò

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog