Cerca

Elezioni presidenziali

Sono valide le schede dei deputati di SEL che incidono sulla segretezza dello scrutinio? Art. 83 L'elezione del Presidente della Repubblica ha luogo per scrutinio segreto a maggioranza di due terzi della assemblea. Dopo il terzo scrutinio è sufficiente la maggioranza assoluta. L’art 83 della Costituzione della Repubblica prevede che la elezione del Presidente della Repubblica avvenga a scrutinio segreto. Il partito SEL ha dato direttiva ai suoi parlamentari di votare in modo che i loro voti fossero riconoscibili dagli altri, in modo da evitare franchi tiratori. E’ questa direttiva compatibile con l’art. 83, oppure rende annullabili quelle schede in quanto individuabili e non piu’ garantite dal segreto? Occorre tener presente, credo, lo scopo della norma. Nel nostro ordinamento, infatti, i parlamentari rappresentano i cittadini che li hanno eletti e verso di essi sono responsabili, non verso il partito in cui militano. Debbono quindi avere la piena possibilita' di votare secondo coscienza e secondo il mandato che ritengono di avere avuto dai propri elettori. Una direttiva che renda controllabile il loro voto (ancorche’ in maniera collettiva) mi sembra che violi questo princcipio e sia pertanto anticostituzionale Giuseppe Caforio

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog