Cerca

Ristabiliamo la monrachia

Egregio Direttore L'attuale irrisolvibile crisi politica dovuta non tanto alla regressione economica quanto all' inezzia dei nostri politici sia di destra che di sinistra ha odore di cadavere di questa repubblica fondata su un frodo elettorale e caratterizzata da un rapido suseguirsi di pagliacci o di furboni che hanno fatto regredire il paese al livello di terzo mondo. Ristabilire la monarchia metterebbe fine al triste e irritante carosello al quale assistiamo da decenni. Basta che la corte costituzionale, emondata dai suoi magistrati comunisti, dichiari nullo il risultato del referendum del 1948 per frode elettorale. Siccome il Re non ha abdicato e siccome non vi è stata devoluzione del potere al "presidente della repubblica" , l'Italia è ancora oggi, de jure, una monarchia. Il popolo potrà decidere se vuole una monarchia ereditaria o elettiva –il che darebbe ai più meritevoli cittadini l'opportunità di diventare, a turno, re d'Italia. L'Italia ha dimostrato da tempo che non ha bisogno di un governo che governi : si arrangia meglio da sola come lo testimoniano i successivi boom economici proprio nei periodi di massima instabilità govedrnativa. Il re dovrà poter nominare un primo-ministro di sua scelta, indipendentemente dai partiti, et dovrà potere controllare di persona le attività del governo. L'immagine dell' Italia ci guadagnerebbe nel modno intero e gli Italiani potrebbero finalmente rimettersi al lavoro senza temere incertezze, misure aleatorie, iniziative contraproduttive, orientamenti tossici. Lanfranco de Clari

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog