Cerca

Il Cittadino italiano ha ancora qualche diritto o solo doveri?

Egregio Direttore, sono un'operaia disoccupata che, come penso molti cittadini, in questo momento si sta chiedendo se i diritti esistono ancora e sono tutelati da qualcuno, oppure abbiamo ormai soltanto doveri nei confronti dello Stato , delle società, dei datori di lavoro ecc . Le spiego brevemente e nei limiti che la mia cultura e competenze mi consentono, il perchè della mia domanda: Ero una dipendente di una ditta di pulizie (che mi ha di recente inflitto un licenziamento disciplinare, Impugnato dal sindacato),nell'aprile 2012 ho subito un infortunio alla spalla durante il lavoro. E' stata avviata quindi come di prassi una pratica presso l'INAIL, sede di Reggio Emilia, che ha svolto tutte le visite mediche periodiche, liquidando regolarmente l'indennità dovutami secondo la normale prassi (assegno diretto alla ditta che ha anticipato le somme dovute ). Sempre a seguito delle visite mediche sono stata ritenuta idonea, malgrado io manifestavo ancora dolore e una non completa funzionalità della spalla, rientrando così al lavoro, fino al 09/11/2012 quando la spalla mi si è nuovamente bloccata ed a seguito delle visite al pronto soccorso è stata aperta una nuova pratica dalla ditta che ha presentato denuncia all'INAIL dichiarando anche che essendo un nuovo infortunio non intendeva anticipare il risarcimento in base all'articolo 70 e che lo stesso doveva essere corrisposto tramite assegni intestati all'infortunata presso la sede della ditta.Ciò non è avvenuto perchè l'INAIL ha trattato la pratica come ricaduta e liquidando i primi due acconti tramite assegni bancari intestati alla ditta, bloccando invece il saldo perchè superiore ai mille euro , in attesa che la ditta comunicasse l'iban del conto su cui effettuare il bonifico. In poche parole la ditta dice di non aver ricevuto ne gli assegni ne comunicazioni in merito a richieste dell'inail , l'inail sostiene di aver inviato gli assegni e chiesto alla ditta l'iban per il bonifico, in banca gli assegni risultano non incassati ed ormai non più validi. Sono sei mesi che vengo rimbalzata da una parte all'altra e nonostante l'intervento del patronato inca, di lettere da parte dell'avvocato ancora aspetto i miei soldi e di sapere come fare ad ottenerli, a causa dell'inefficienza e negligenza di un ente statale e di ripicche da parte dell'azienda . IL cittadino per fare una qualsiasi pratica deve documentare tutto nei minimi dettagli e certificare con timbri , bolli, ricevute di pagamento e quant'altro e se ritardi entrano in gioco equitalia e agenzie varie a tutela dei potenti se è lo Stato o il potente di turno a non rispettare le regole il cittadino è abbandonato a se stesso perchè deve dimostrare cose indimostrabili ( si spedisce un assegno con soldi dello Stato con posta ordinaria senza una tracciabilità ?, si subisce mobbing sottile che però va super dimostrato.) Cosa bisogna fare per tutelare i propri diritti usare il Fucile ?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog