Cerca

I NOSTRI SOLDI E BENI ?

Fagocitati dalle “istituzioni” e dagli “stipendifici”, eufemisticamente definiti come “spesa improduttiva” ! In soldoni, per garantirne sopravvivenza e benefici, si è sacrificata la realtà produttiva del paese, mentre alcuni hanno e continuano a fare i conti senza l’oste. La parte della realtà produttiva “cancellata d’ufficio” con una dissennata pressione fiscale non pagherà più imposte ovvero mancheranno i soldi per mantenere la parte improduttiva. Queste sintetiche considerazioni (ma se ne potrebbero aggiungere altre) portano a due domande semplici semplici: 1. Conviene questo suicidio politico-economico, che ha portato la disoccupazione agli attuali insostenibili livelli, o converrebbe dismettere alcune decine di migliaia tra dirigenti e politicanti, che non rischiano mai il proprio fondo schiena, ma costano almeno il doppio di quanto formalmente percepiscono ? 2. Perché le risorse pubbliche disponibili vengono in primis usate per pagare questi costi abnormi e poi, se ne avanza, l’acquisto di beni e servizi ?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog