Cerca

Sono altre le priorità

Gentile Direttore, come al solito i nostri politici, nel formare il nuovo governo, non sono riusciti a cogliere i segni dei tempi. Hanno dimostrato ancora una volta di essere lontanissimi dai problemi reali degli Italiani, dalle loro difficoltà, dalle loro complesse situazioni esistenziali. Forse un Ministero dell’Integrazione sarebbe stato opportuno quando l'Italia era caratterizzata dalla presenza di un diffuso benessere e si manifestava la necessità di dare risposte agli immigrati. Non potendo realizzare tutti i programmi e i progetti bisogna individuare le priorità. E oggi le priorità sono ben altre, sono i milioni di Italiani sulla soglia della povertà, quelli senza lavoro, senza casa, che dormono nelle auto e nei camper, quelli senza speranza che vedono nel suicidio l’unica soluzione. Non sarebbe stato più utile costituire un Ministero per la solidarietà che si occupasse dei problemi degli Italiani in difficoltà?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog