Cerca

Brigadiere Giangrande

Preg.mo Direttore, sono un Appuntato dei Carabinieri in servizio in Campania. Le scrivo per ringraziarLa per la bella iniziativa (a cui ho aderito) in favore del collega ferito a Roma. Spero che nè faccia un'altra anche in favore della famiglia del collega barbaramente ucciso a Maddaloni(CE). A mio nome ed a quello dei tanti altri colleghi che ogni giorno rischiano la pelle per uno stato che non c'è e che ci ha messo in ginocchio pensando solo ai fatti propri, Le chiedo, tramite il Suo giornale di far sentire la nostre voce. Siamo abbandonati da tutti, in primis dal nostro comandante generale (volutamente in piccolo)che si vede solo in occasione dei funerali dei colleghi (domani presenzierà a quello del collega DELLA RATTA); dallo stato stesso che noi rappresentiamo ed a cui io personalmente non mi riconosco più e che ci elargisce uno stipendio da fame, che ci ha lasciato alla mercè di tutti in primis della magistratura, che ogni giorno, vanifica i nostri sforzi, con sentenze ridicole, per assicurare i delinquenti alla giustizia, per rendere più repirabile l'aria di questo nostro martoriato paese. Ormai, siamo pochi, stanchi, vecchi e sfiduciati. Scusandomi per essermi dilungato, La ringrazio ancora per l'iniziativa del suo giornale sperando che analoga iniziativa, ci sia anche per la famiglia del collega DELLA Ratta. Grazie. Nico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog