Cerca

LA BUFALA DEL 1° MAGGIO? PARLIAMO DI LAVORO NERO E SFRUTTAMENTO. PARLIAMO DI VERO "CAPORALATO".

LA BUFALA DEL 1° MAGGIO? PARLIAMO DI LAVORO NERO E SFRUTTAMENTO. PARLIAMO DI VERO "CAPORALATO". Contro la liturgia rossa dei sindacati e contro l’utopia della politica di sinistra radicata nell’ideologia del potere proletario e che in Parlamento votano con la destra leggi contro i giovani. Politica stantia che disgusta. Ed hanno il coraggio di dire che l’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro. Un 1° maggio dedicato a chi è dimenticato. In Italia, quando il lavoro manca o si perde, il lavoro diventa fuorilegge!! Una Festa del lavoro dedicata ai dileggiati e dimenticati, sfruttati e schiavizzati. Agli Immigrati? Non solo, m anche agli italianissimi a tutti gli effetti! Il lavoro se si riesce a trovare, è tutto in nero. E proprio a questa Italia abbiamo scelto di dedicarci in questo primo maggio 2013. La crisi abbatte i muri tra le generazioni. C'è il dramma dei giovani che si trovano le porte sbarrate sulla strada di un lavoro regolare. C'è il milione di licenziati solo nel 2012. Tutto ciò ha lasciato per strada chi un lavoro ce l'aveva e ora si trova con gli anni addosso e poche o nessuna sicurezza. C’è chi, sindacalizzato, in cassa integrazione o in indennità di disoccupazione o in pensione, lavora in nero rubando il lavoro a chi non ha nessun sostentamento. Tra queste rovine sociali cresce e prospera il lavoro nero: quei soldi, pochi maledetti e subito che stanno diventando una via obbligata per tanti. Troppi. E non sono solo i giovani pony express, ma i benzinai, gli impiegati e le forze dell’ordine che fanno il doppio lavoro. In Italia dilaga il lavoro nero, tre milioni secondo i dati Istat sono senza contratto. Dal dipendente pubblico costretto a fare il muratore per far quadrare i conti, fino agli stranieri che lavorano soprattutto nei campi e nei cantieri italiani. Tante storie diverse legate insieme dalla necessità di arrivare a fine mese. Muratori, camerieri, braccianti. Ma anche professionisti, dipendenti pubblici, assicuratori, insegnanti, benzinai. Sono solo alcune delle tante facce del lavoro nero in Italia. Circa tre milioni di persone che lavorano senza un contratto, quindi senza giorni di malattie, senza ferie e senza la speranza di una pensione. In Italia i nostri politici insieme ai sindacati e alle aziende parlano di crisi, ma nessuno affronta il problema dei tantissimi stagisti e praticanti che lavorano gratis. Antonio Giangrande, suo malgrado proprio per questo perseguitato, con i suoi canali divulgativi (tra cui www.controtuttelemafie.it o http://www.youtube.com/watch?v=p3Nq19OboqY) vuole portare avanti e meglio far conoscere questo grave problema di sfruttamento, e quindi chiede a tutte quelle persone che hanno fatto o che stanno facendo questa esperienza di sostenerlo, facendo conoscere i suoi libri denuncia, anche da leggere gratuitamente. L’invito è rivolto anche a tutte le persone che non hanno mai avuto, per loro fortuna, questa esperienza, ma che vogliono dare un contributo a questa iniziativa. Cosa succede oggi quando si raggiunge la fatidica laurea? Semplice, si cerca un lavoro, e siccome il lavoro per i comuni mortali ormai è diventato un miraggio, per non stare con le mani in mano, di solito ti iscrivi a una scuola di specializzazione, il cui risultato finale è uno stage gratuito di 6 mesi senza percepire un soldo, e magari per fare questo stage cambi anche città per cui ti devi pagare l’affitto e il resto. Questa classe di lavoratori sono gli "stagisti" o meglio i "nuovi proletari", dove la loro unica ricchezza sono mamma e papà che devono continuare a dargli la "paghetta" per andare avanti. Quel che è peggio è che in moltissimi casi lo stage, che dovrebbe rappresentare un momento formativo al lavoro, viene svilito delle capacità professionali di una persona, nel senso: ci sono da fare le fotocopie, le fa lo stagista! Al termine del periodo dello stage, cosa succede? Arrivederci, grazie e avanti un altro. Tanto è gratis. Per fortuna non è sempre così, ci sono realtà aziendali dove il tirocinio post-laurea è davvero considerato ciò che dovrebbe essere, un periodo di formazione e prova che precede un’assunzione (uno su dieci circa), e spesso in questo caso lo stage è anche retribuito. Ma sono casi isolati. Accanto agli stagisti, ci sono centinaia di migliaia di praticanti (come si fa a non vederli), molti dei quali tenuti a stecchetto per anni da avvocati, notai, commercialisti ed altri liberi professionisti, che hanno avuto la fortuna di superare un concorso di abilitazione truccato : perché pagare chi, per accedere all’Ordine, ha bisogno di svolgere il praticantato? Siamo allo sfruttamento vero e proprio del lavoro. Praticanti e collaboratori anche presso gli stessi parlamentari che legiferano. Di questo mondo di stagisti e praticanti i sindacati e la politica non ne parlano e non ne vogliono parlare. Oggi i praticanti avvocati sono come i "ragazzi-spazzola" dei barbieri di una volta, quelli costretti a sperare nella generosità dei clienti che volevano lasciargli una mancia. Ebbene i giovani aspiranti avvocati, laurea in tasca e dignità sotto i piedi, lavoreranno gratis o quasi come i garzoni di bottega dei tempi andati. Aspiranti avvocato trattati come una schiavi. Questa è la riforma votata nell’ultimo scorcio del governo Monti da destra e da sinistra. Un "sorcio" in uno studio legale. Situazioni di sfruttamento e mobbing professionale, come li chiamano a Roma "quei sorci da buttà in gabbia". Ebbene, la gabbia, sembra paradossale a dirsi, è uno studio legale, uno dei tanti dove oggigiorno vengono "assunti" giovani praticanti. "Assunzione", però è una parola grossa perché, pur se subordinata ad un formale colloquio di assunzione, ad esso non segue un contratto. Nessuna certezza dunque e la possibilità di ritrovarsi senza un posto di lavoro se "il periodo di prova" è andato male. Ebbene sì, pur avendo tutte le carte in regola per lavorare in uno studio legale, (laurea, master, esame d'avvocato già sostenuto) si viene sottoposti giornalmente ad un esame di compatibilità con lo studio. Cosa si intende per compatibilità? Giovani avvocati: Lo schiavismo del nuovo millennio. Retribuzioni da 30 centesimi l'ora, maternità di due settimane, "multe" per ogni errore, il potere assoluto del "dominus". Avvocati schiavi; architetti saltuari. Non solo call center: precariato e sfruttamento colpiscono negli studi professionali, nella scuola, nei giornali, persino sui Tir. Medici a partita iva, infermieri a termine: la precarietà va anche in ospedale. E chi vuole avviare un'impresa trova più ostacoli che incentivi. Un medico chirurgo a partita Iva, un geometra perennemente scalzato da apprendisti che possono essere pagati di meno, un archeologo a chiamata nei cantieri delle fogne…Sono storie che raccontano anche le facce meno conosciute del precariato, quello che tocca professioni superqualificate, come il medico appunto, oppure le difficoltà di chi prova a smarcarsi dall’utopia del posto fisso per creare un’impresa, ma dal fisco e dalle banche trova ostacoli invece che incoraggiamento. E poi le grottesche mansioni affidate agli stagisti, supplenti della scuola che spendono di tasca propria migliaia di euro per "qualificarsi" a un lavoro che sfugge di anno in anno. Ed i giornalisti che dovrebbero denunciare l’arcano? In base a una norma da poco approvata l’esame lo possono fare tutti i pubblicisti che dimostrano di vivere di questo mestiere (non ci sono più requisiti stringenti di reddito). Oltre, naturalmente, a tutti quelli che hanno lavorato in una redazione: in regola come praticanti, e sono pochissimi (compresi i soliti raccomandati), o in nero. Poi però devi sborsare quasi 500 euro tra tasse e bolli vari, iscriverti obbligatoriamente a un corso preparatorio – quello online, per esempio, costa 200 euro -, andare a Roma due volte per fare scritto e orale nel bunker burocratico dell’hotel Ergife. Siamo sui mille euro come ridere. Ma poi c’è poco da ridere e stare allegri. Che cosa si risolve diventando professionisti? Nelle ultime infornate di esami ho incontrato molti trentenni che non lavorano già più o fanno lavoretti giornalistici saltuari per poche centinaia di euro l’anno. Un importante gruppo editoriale ha di recente imposto ai collaboratori condizioni standard per cui i pezzi molti brevi sono pagati… zero euro. Zero. Il lavoro gratuito viola la Costituzione. Anche quello a condizioni non dignitose. Sui problemi della professione grava da anni una cappa di silenzio, un muro di gomma. Paradossale, grottesco, kafkiano perché stiamo parlando del mondo dei mass media, della comunicazione. Ma visto che sui giornali non se ne può parlare, perché gli editori non gradiscono, dove altro parlarne? Internet per fortuna sta un po’ cambiando le cose. In questa situazione poi se la vittima diventa carnefice e va a colpire un povero cristo come lui, crocifiggiamolo, ed è giusto che sia così, ma quando parliam di loro non dimentichiamoci delle motivazioni che portano alla esasperazione ed a gesti inconsulti. Dr Antonio Giangrande

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog