Cerca

La moneta di scambio per il "prestigio internazionale di Letta": il ministero per l'integrazione

Ho sentito gli apprezzamenti "alla voglia di fare dei nuovi italiani", ma quelli vecchi noi insomma, non avevano voglia di fare niente? Certo che se non c'erano i nuovi italiani noi come facevamo ad essere leader mondiali in tantissimi settori? A me sembra che i politici non sappiano proprio come giustificare le loro scelte dettate dall'Europa in cambio del "prestigio internazionale" e sparano cazzate grosse come palle da cannone. Prodi ci portò nell'euro, Amato ha dato le pensioni agli extracomunitari, Letta ci sottomette direttamente agli extracomunitari, così il prestigio internazionale è assicurato

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog