Cerca

Suicidio assistito

Signor Direttore, a proposito di suicidio assistito fa scuola in Europa la sentenza dell'Irlanda. La Corte Irlandese infatti ha respinto la richiesta di Marie Fleming moglie del leader di Exit International, una delle lobby pro eutanasia più potenti del mondo. Marie Fleming, 58 anni, è malata di sclerosi dal 1986. I tre della Corte all'unanimità hanno respinto la richiesta scrivendo: «Il suicidio assistito è nemico dell’interesse pubblico e, come provato da altri paesi, una volta legalizzato il rischio di abusi è reale». La sentenza di 100 pagine afferma: «La Corte respinge le richieste della signora Fleming. È impossibile liberalizzare il suicidio assistito e allo stesso tempo proteggere le persone vulnerabili come vecchi, disabili, poveri, indesiderati e altri incluse le persone economicamente compromesse che potrebbero essere spinte verso il suicidio assistito». Oltretutto, secondo la Corte, «nonostante il suicidio sia stato decriminalizzato, non esiste alcun diritto al suicidio. Lo Stato è pertanto autorizzato, per motivi di politica sociale, a mantenere il divieto». Sentenza chiara e lungimirante.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog