Cerca

Una baraonda scimmiottesca che copre di vergogna l'Italia

Caro Direttore, non c'è rimedio, il progresso tecnologico nelle telecomunicazioni non entra nelle facoltà mentali di una parte degli italiani, proprio in quelli che dovrebbero usarli adeguatamente per le professioni relative. Già ai tempi di Guglielmo Marconi che fece il primo esperimento radio, e che io sono andato ad omaggiare sul monumento d'acciaio posto dalla Comunità Italiana su una terrazza del municipio di Sydney, non riuscivano a parlare al microfono ma balbettavano messaggi cifrati alle amanti segrete. Oggi che sono abbattute tutte le frontiere, avendo disponibile un mezzo mondiale di comunicazione creato da un ragazzo, sono amcora piú imbranati e non sanno proprio usarlo con intelligenza creativa, capaci solo d'insulti, volgarità, istigazione, diffamazione, eccetera, smorfiandosi a vicenda come scimmie nella giungla. E che amarezza, subire l'oltraggio del carrozzone di babbuini che si sono ammucchiati al governo. Un'offesa totale alla genialità del popolo italiano che deve subire tanta idiozia al potere di governo!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog