Cerca

Iacchetti vs Ausiliari

Gentile Direttore, nei giorni scorsi, insieme a mia moglie, sono andato a vedere lo spettacolo che il Sig. Enzo Iacchetti mette in scena al Teatro Nazionale di Milano: “Chiedo scusa…al Sig. Gaber”. Devo ammettere che lo spettacolo è stato molto gradevole e che le canzoni del mitico Giorgio Gaber, oltre a rallegrare lo spirito, provocano anche un pizzico di sana malinconia, facendo ripensare agli anni della propria adolescenza. Purtroppo, ad un certo punto dello spettacolo, il Sig. Iacchetti ha deciso di intraprendere un monologo contro gli Ausiliari della sosta: una vera e propria invettiva farcita di volgarità e offese gratuite, culminate dalla frase secondo cui gli ausiliari avrebbero fatto bene ad infilare le multe “nelle chiappe della propria moglie”. Essendo io il marito di un “ispettore al traffico” (ex ausiliari della sosta, Iacchetti forse non si è aggiornato…) che in quel momento è sprofondata dalla vergogna, mi sento in dovere di dire al Sig. Iacchetti che il lavoro di queste persone merita il massimo del rispetto, se non altro perché lavorano sei giorni a settimana (festivi compresi), camminando sia sotto la pioggia o la neve, sia con 40° in estate, respirando una cappa di smog che ti toglie la salute, bistrattati e insultati giornalmente, e tutto questo per garantire alla gente il rispetto del codice stradale, ma anche il rispetto della buona educazione. Aiutano i pedoni a non scendere sulla strada perché un maleducato ha parcheggiato sul marciapiedi, aiutano a non rimanere bloccati con la propria auto perché un maleducato ha parcheggiato in doppia fila o su un passo carraio, aiutano i residenti affinché il loro diritto di parcheggiare sotto casa sia rispettato ed infliggono le multe alle persone che , probabilmente come il Sig. Iacchetti, se ne “fottono” del rispetto delle regole e dei diritti degli altri, credendo di essere al di sopra di tutto e di tutti. Ed allora …Sig. Iacchetti, oltre a chiedere scusa al Signor Gaber, chieda scusa anche agli “ Ausiliari della sosta”. Salvatore Privitera

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog